ViaggiNews

In treno dal Vaticano a Castel Gandolfo – Foto

sabato, 12 settembre 2015

Il treno dal Vaticano a Castel Gandolfo (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Il treno dal Vaticano a Castel Gandolfo (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Un regalo di Papa Francesco a pellegrini e turisti. Da oggi, per ogni sabato, si potrà viaggiare con il treno a vapore in partenza dalla piccola stazione del Vaticano fino a Castel Gandolfo, per visitare le ville pontificie che il Papa ha voluto aprire al pubblico.

Un percorso eccezionale per le vie di Roma fino alla incantevole storica dimora estiva dei Papi che Francesco ha voluto trasformare in un museo da aprire ai visitatori insieme alle altre residenze del luogo, su tutte la spettacolare Villa Barberini con il suo giardino all’italiana.

Un ulteriore segnale di apertura del Papa alla gente e soprattutto la condivisione di un patrimonio storico, architettonico e artistico. Papa Francesco, che non va in più in vacanza in estate a Castel Gandolfo, come è stata per secoli tradizione dei papi, ha voluto aprire al pubblico il Palazzo Apostolico con i suoi tesori. Solo alcune stanze della residenza sono rimaste riservate al Papa. Questa estate Benedetto XVI ha trascorso alcuni giorni di riposo nella residenza estiva di Castel Gandolfo.

Tutti i sabati, dalla stazione ferroviaria del Vaticano, anche questa aperta al pubblico per la prima volta, turisti e pellegrini potranno partire con il trenino a vapore attraversando Roma alla volta di Castel Gandolfo e qui visitare le storiche residenze dei Papi nello scenario suggestivo dell’incantevole cittadina che si affacciata sul Lago di Albano.

Il progetto è stato realizzato in sinergia tra Musei Vaticani, direzione delle Ville Pontificie e Ferrovie dello Stato. Ieri si è tenuto il viaggio inaugurale del trenino a vapore, a cui è stata invitata la stampa. All’evento erano presenti il direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci, il direttore delle ville pontificie Osvaldo Gianoli e l’ amministratore delegato del Gruppo FS Italiane Michele Mario Elia. Tutti hanno espresso grande soddisfazione per la realizzazione del nuovo servizio, che va ad offrire l’offerta anche in vista del prossimo Giubileo straordinario.

“Le ville pontificie, per secoli inaccessibile segreta dimora estiva dei Papi di Roma dal 12 settembre sono aperte al pubblico e ci si arriva con il treno, il più popolare, il più democratico fra i mezzi di trasporto. È un fatto che stringe in emblema con plastica evidenza la politica di Papa Francesco; un Papa che ha rinunciato alla sua residenza estiva per aprirla alla gente. Se non è questo un segno dei tempi!”, ha commentato il direttore dei Musei Vaticani, aggiungendo: “Penso all’emozione e allo stupore, ma anche alla gratitudine che ciascuno dei visitatori proverà per questo imprevisto regalo del Papa”.

Per tutte le informazioni sul treno delle ville pontificie e i nuovi spazi museali di Castel Gandolfo e per acquistare i realtivi biglietti, si può consultare il sito dei Musei Vaticani a questa pagina.

Di seguito alcune foto del viaggio inaugurale del treno dal Vaticano a Castel Gandolfo.

Macchinista del treno dal Vaticano a Castel Gandoflo (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Macchinista del treno dal Vaticano a Castel Gandoflo (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Tags:

.
1 di 7
.

Altri Articoli Interessanti: