ViaggiNews

Migranti: il viaggio della speranza sui murales

lunedì, 24 agosto 2015

MTO murales migranti (Dal profilo facebook dell'artista)

MTO murales migranti (Dal profilo facebook dell’artista)

MTO è uno street artist francese che ha rappresentato emblematicamente il dramma dei migranti così di attualità in questi giorni. L’artista ha realizzato due murales a distanza di centinaia di chilometri tra di loro, ma simbolicamente molto vicini e legati dallo stesso tema.

Sul primo murale, realizzato a Sliema, sull’isola di Malta si vede un uomo dal fisico possente, ritratto da dietro, che indossa bermuda rossi e ciabatte, aprirsi un varco nel muro di una casa. Quello stesso uomo, questa volta di fronte, con il volto ben visibile e contratto dallo sforzo e dalla fatica, appare a 700 chilometri di distanza su un muro di una casa in Italia a Sapri, in provincia di Salerno. Quell’uomo, che lotta tra la disperazione, con una maschera da sub sulla fronte, anch’essa di colore rosso come i bermuda e le ciabatte, è un migrante. Una persona in fuga da guerre e povertà, come le migliaia in arrivo sulle coste dell’Italia e della Grecia in questi giorni.

L’opera di MTO porta il significativo titolo di “The Mediterranean Tunnel – Il tunnel del Mediterraneo“. L’artista ha voluto raccontare il viaggio della speranza dei migranti che ogni giorno partono dalle coste africane per arrivare in Italia e da qui raggiungere il nord Europa. Il doppio murale unisce Malta con l’Italia in riferimento a quanto accadde un paio di anni fa, all’epoca in cui Enrico Letta era premier, quando le autorità maltesi accettarono sul loro territorio i migranti morti nel Mediterraneo, ma non i vivi, consegnandoli all’Italia. Nello specifico, La Valletta rifiutò di accogliere un gommone in avaria con 102 migranti a bordo, mentre il premier italiano diede il consenso per lo sbarco a Siracusa. Citando un articolo del giornale maltese The Independent, MTO riporta sulla sua pagina facebook a descrizione dei suoi murales il titolo “…Malta prende i morti e spedisce i vivi in Italia”. Ecco spiegato il doppio murale, da Malta all’Italia.

La storia del migrante disperato nell’attraversamento del tunnel del Mediterraneo è completata da un altro murale, quello dello stesso migrante disteso e schiacciato dal medesimo tunnel. Quest’opera si trova sempre a Sliema, a Malta, proprio davanti al mare, ed è stata completata nel 2014 in occasione dello street art festival della città. Un monito su una tragedia che sembra non avere fine.

Il migrante disteso, opera di MTO (Dal profilo facebook dell'artista)

Il migrante disteso, opera di MTO (Dal profilo facebook dell’artista)

Tags:

Altri Articoli Interessanti: