ViaggiNews

La spiaggia divisa per uomini e donne si trova a…

venerdì, 21 agosto 2015

pedocin3

Un muro che divide la spiaggia per gli uomini da quella per le donne. No, non siamo in uno sperduto Paese ipersessista o misogino di qualche remoto angolo di mondo, ma ci troviamo in Italia, a Trieste. Lo stabilimento in questione è un pezzo di Storia della città ed è rimasto immutato da oltre un secolo. Si chiama La Lanterna, o in dialetto, come viene più spesso chiamato Pedocin – l’origine del nome è piuttosto incerta forse per via delle cozze (pedoci) che anticamente si coltivavano sugli scogli prospicienti – ed è l’unico del genere in Europa, molto frequentato da triestini e da gente di ogni nazionalità e religione, molto apprezzato dalle donne musulmane.

Ad inizio 900 – lo stabilimento fu costruito sotto l’Impero Asburgico nel 1903 per evitare “atti di indecenza” – a dividere uomini e donne c’era uno steccato di legno, poi fu eretto un muro di mattoni alto tre metri. La divisione non è solo sulla spiaggia, ma prosegue anche per un tratto di mare. Lo stabilimento ha ovviamente due ingressi separati: uno per le donne e i bambini fino a 12 anni ed uno per gli uomini. L’ingresso costa 1 euro al giorno, 19 euro l’abbonamento mensile e quello stagionale 63 euro.

La spiaggia divisa non è intesa dai Triestini come un ultimo baluardo di bigottismo, anzi, perfino in un recente referendum per l’abbattimento del muro i triestini hanno detto no. A qualcuno non piace, come alla astrofisica Margherita Hack, triestina, che al Pedocin non andò mai e che disse che le divisioni non le piacevano a prescindere, e a chi quel muro invece vede la libertà dal confronto continuo.

 

 

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: