ViaggiNews

Il festival che vi insegna a vivere bene arriva a Roma: “Habicura”

venerdì, 29 maggio 2015

Thinkstock

Thinkstock

Habicura, giunto alla terza edizione, è una rassegna incentrata sulla “buona vita” a più livelli: dalla cultura al benessere naturale, dall’educazione ambientale alle arti visive e musicali, dalla lettura all’artigianato, dal teatro al cinema sociale.

Tre anni fa abbiamo dato vita ad Habicura, il cui nome deriva da ‘habibi’ che in arabo significa ‘amore’, e dalla parola ‘cura’ – spiega Alfredo D’Angelo del centro “Il Fiume”, promotore dell’iniziativa – con lo scopo di rendere accessibili al grande pubblico semplici pratiche, ereditate da antiche tradizioni, strumenti aperti e alla portata di tutti per migliorare la qualità della vita. Lungo questo percorso abbiamo incontrato e rafforzato le sinergie con vari soggetti del territorio che perseguono il nostro stesso scopo, ovvero la diffusione di una nuova visione dello stare bene attraverso un fattore essenziale: la convivialità”.

La rete di soggetti che hanno contribuito, con il loro operato, a diffondere le pratiche di buona vita di cui Habicura si fa promotore, è un fattore importante per l’Assessore alla Cultura del Municipio Roma II, Agnese Micozzi secondo la quale “Habicura ha il merito di aver creato una rete in un territorio la cui compattezza si stava perdendo coinvolgendo diverse realtà che operano in modo positivo e propositivo. L’eterogeneità delle proposte di Habicura, che ne è derivata, rappresenta un’occasione di crescita e condivisione collettiva, un vero “modello di cultura” che ha al suo centro lo scambio  intergenerazionale”.

Il “vivere bene” passa indubbiamente anche dall’alimentazione, consapevole e ragionata. È per questo che i prodotti enogastronomici presenti ad Habicura saranno rigorosamente biologici e a Km0, con un’offerta varia atta a soddisfare ogni palato: proposte vegetariane e vegane, ma anche di street food, pietanze regionali e rivisitazioni di piatti di culture lontane, insieme a stuzzicanti dolcezze. Un’offerta colorata e sana è quella del Juice Bar dove verranno preparati con cura frullati ed estratti di frutta e verdura, serviti vini biologici e biodinamici, sangria alla frutta bio e caffè equo e solidale.

Particolare attenzione sarà dedicata alla degustazione di birre artigianali, con rassegne  dedicate ai migliori prodotti della tradizione laziale alla presenza dei mastri birrai, che mira a formare consumatori consapevoli e attenti. “Siamo felici che ci sia la possibilità, attraverso Habicura, di avere un confronto sul tema – ha detto Elio Miceli di Birradamare, noto birrificio laziale che sarà presente al festival – soprattutto in un quartiere come San Lorenzo in cui il tema dell’alcool è spesso legato a disordini. Questa può essere l’occasione per la sensibilizzazione ad un uso consapevole della birra artigianale e promuovere l’uso della spina al posto delle bottiglie, che è il modo migliore e più ecologico per degustare la birra”.

Nell’ottica dell’ecosostenibilità alla manifestazione non ci saranno stoviglie e bicchieri usa e getta, ma esclusivamente in materiali biodegradabili, grazie al coinvolgimento di Minimo Impatto, società che propone prodotti ecologici con lo scopo di ridurre il consumo di prodotti inquinanti.

Oltre 90 eventi in programma, tra musica, cinema e teatro, presentazioni di libri, dibattiti e workshop, con ospiti d’eccezione come Diego Bianchi (Zoro), Sabina Guzzanti, Don Pasta, Marcela Szurkalo, Lucia Cuffaro, Sei Ottavi (tributo a Rino Gaetano), Funkallisto e molti altri.

Lungo il viale di Villa Mercede, si alterneranno circa 120 artigiani e creativi, soci dell’Associazione Culturale Mente Collettiva per una rassegna delle eccellenze artistiche ed artigianali del Lazio che spazieranno dagli accessori moda agli oggetti di design, dalla lavorazione del cuoio, del vetro, della ceramica, a quella del riuso artistico di materiali post consumo e alla valorizzazione della cultura materiale del nostro passato. Da quest’anno ad Habicura sarà presente il Consorzio FaròArte con il progetto per il “Made in Rome”, che si propone di rilanciare la millenaria tradizione artigiana romana.

Spendere meno tempo nel traffico e nella ricerca di parcheggio fa bene all’ambiente e migliora la qualità della vita cittadina. Obiettivi che si prefigge Car2Go, il servizio di car-sharing a flusso libero che ha rivoluzionato il modo di concepire la mobilità urbana, che sarà ospite di Habicura 2015 con un punto di registrazione a prezzi vantaggiosi e un’area parcheggio adiacente a Villa Mercede.

Ad un centro estivo e ai laboratori pomeridiani tematici per i più piccoli, è affidato il compito di veicolare i messaggi di Habicura e contribuire a formare i futuri cittadini ai valori del rispetto dell’ambiente e della cura del sé e del prossimo attraverso il gioco, l’arte, la cultura e i laboratori tematici a cura dell’Associazione Berenice.

Media partner dell’evento sarà Ecodallecittà, notiziario sulle politiche e questioni ambientali delle città italiane ed europee. Dal 2002, un vero e proprio strumento di amplificazione delle “buone pratiche” relative alla sostenibilità ambientale.

Habicura trasformerà Villa Mercede in una vera e propria cittadella del vivere bene, dove i tre punti cardine saranno “ambiente”, “benessere” e “cultura”. Un’occasione per conoscere e provare direttamente sul campo tutte le possibilità per riscoprire un modo di vivere (ma anche di pensare) sano e positivo!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: