ViaggiNews

Fez: la più grande e suggestiva delle città imperiali del Marocco

venerdì, 15 maggio 2015

fez guida

Bab Bou Jeloud gate at Fez, Morocco

Situata a 350 metri dal livello del mare, la città imperiale di Fez rappresenta la capitale culturale del Marocco. Oltre che per il giglio che è il suo simbolo la sua incredibile abbondanza di monumenti e testimonianze artistiche l’hanno fatta soprannominare “la Firenze del marocco”.

Prima capitale del regno, Fez è una città dall’anima multipla e che vi catturerà con il suo incredibile fascino.

Fez: cosa vedere

Fez si divide in 2 anime: la città nuova dove si trovano la stazione e il Palazzo Reale e quella antica dove la gente ancora abita e conduce i propri commerci.

Il modo migliore per cominciare a visitarla è partire dalla Bab Boujeloud, la porta principale della città, decorata con maioliche blue e verdi, da cui una serie di strette viuzze conducono alla città vecchia.

La medina, le cui fortificazioni medioevali sono così estese e ben conservate da averla fatta diventare Patrimonio dell’Unesco, è formata da un intrico di ben 9 mila stradine dove troverete mercati di ogni genere e sorta: tappeti, oggetti di ottone, ceramiche, ec… Seguendo due delle sue vie principali: Tala el-Kbira e Tala Sghira  incontrerete un incredibile numero di suk (mercati coperti da stuoie) e fonduk (antichi caravanserragli con un cortile al cui interno vi sono negozi ed empori).

Proseguendo lungo la Tala el-Kbira si incontra la Guelsa di Moulay Idriss, luogo dove venne decisa la fondazione della città e dove vengono legati fili di lana alle grate per avverare i desideri.

Non mancate di dare uno sguardo al  suk el-Attarinil colorato mercato delle spezie. A non molta distanza sorge poi la madrasa Attarin risalente al XVI secolo. Fu utilizzata come scuola religiosa ed è decorata con intagli di legno pregiato, piastrelle e stucchi.

Nei pressi  incontriamo anche la moschea Karaouineuna delle più antiche del mondo musulmano occidentale dal momento che risale all’859. Prima della costruzione della Moschea di Hassan e di Casablanca è stata la più grande del Marocco.

Riccamente decorata si caratterizza per 16 navate, un cortile a cielo aperto con una fontana al centro e fontane minori su ogni lato. Purtroppo però i non mussulmani non possono entrare.

Infine un tour per la città di Fez non può dirsi completo senza una sosta alle strepitose concerie (o Chouara). Si tratta di enormi vasche di pietra traboccanti di pigmenti dove le pelli vengono stese ad asciugare.

In questo luogo vengono utilizzate processi di conciatura risalenti al XVI secolo. Il posto migliore da dove ammirare lo spettacolo delle cisterne è dai tetti a terrazzo di uno degli edifici della Medina di Fez.

Proseguendo il cammino si arriverà al Quartiere degli Andalusi che non potrà non colpirvi per l’incredibile ricchezza degli edifici. I palazzi rivaleggiano tra loro per lo splendore delle decorazioni. Spicca qui la trecentesca medersa el-Sahrij con una gigantesca vasca per le abluzioni nel suo cortile. Non dimenticate però la moschea el Qaraouiyyin, il centro universitario più antico del mondo occidentale.

Procedendo verso Sud si arriva a Fès el-Jedid, la Fez nuova dove si trovano ristoranti, caffè e librerie e dove vi è anche il palazzo reale dalle porte dorate.

Fez: come arrivare

In aereo si può contare su compagnie come Easyjet e Ryanair che raggiungono anche l’aeroporto di Fez. Si trova a soli 15 km a sud della città. Da lì si può prendere un bus che passa ogni 35 minuti o un taxi.

In nave: dalla Spagna ci sono trasferimenti giornalieri tra Algesiras e Ceuta e Algesira e Tangeri.

Con i mezzi pubblici: la compagnia di bus Compagnie de Trasporti Marocains gestisce i collegamenti da e per Casablanca dall’Italia, dalla Francia, dalla Germania, ecc…

Fez: dove dormire: 

Vi è un’ampia scelta di luoghi dove dormire anche con hotel a 3 e 4 stelle. Ad esempio lo splendido hotel Riad è l’ideale per le coppiette innamorate. Non gli è da meno il Palais Amani con la sua posizione nel cuore di Fez.

 

Fonte: Marocco.org/Repubblica.it/ Il turista.it

Tags:

Altri Articoli Interessanti: