ViaggiNews

I giorni della Merla, i giorni più freddi dell’anno. Ecco cosa ci aspetta

mercoledì, 28 gennaio 2015

maltempo

Mai come quest’anno gli ultimi tre giorni del mese di gennaio, denominati “Giorni della Merla”, saranno i più freddi dell’inverno. Dopo una prima ondata di freddo che ha interessato l’Italia è in arrivo, proprio per domani, un vortice polare di aria fredda che interesserà l’intera Europa. Le aree italiane maggiormente colpite dall’arrivo del vortice polare saranno quelle tirreniche delle regioni Lazio, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Giorni della Merla, ecco cosa ci aspetta

Una violenta ondata di maltempo da domani interesserà il nostro Paese per colpa del Vortice Polare che porterà maltempo, acquazzoni e nevicate a bassa quota soprattutto nel centro e nel sud dell’Italia.

Già da questa mattina diverse località della Calabria hanno visto scendere i primi fiocchi di neve. Da domani, poi, la neve interesserà anche località a bassa quota. Ecco le previsioni nel dettaglio rilasciate da ilmeteo.it per i Giorni della Merla.

Giovedì 29 gennaio
Una perturbazione atlantica sospinta da impetuosi venti occidentali entra nel Mediterraneo apportando un peggioramento sulle regioni tirreniche, appenniniche e in Sardegna con piogge e nevicate tra 800 e 1100 m. Nubi con locali piogge anche al Nord-Est, alto Adriatico e neve abbondate la sera su Ovest Alpi, meglio nelle altre località.

Venerdì 30 gennaio
Intensa perturbazione da Ovest con venti di burrasca sul basso Tirreno e sullo Ionio, intenso maltempo sulle regioni tirreniche, ma soprattutto su Campania e Calabria dove sono attesi intensi nubifragi. Piogge intense anche in Sardegna e in Sicilia occidentale. Piogge su tutto il Centro, neve sopra i 600 metri al Centro, a 900/1300 al Sud. Piogge e neve bassa al Nord-Est, in miglioramento.

Sabato 31 gennaio
Intenso peggioramento su Sardegna, Campania, Calabria e Ovest Lucania con temporali, nubifragi e nevicate abbondanti su queste aree tra i 700 e i 1300 metri. Piogge e nevicate diffuse anche al Centro, specialmente sulle aree tirreniche e appenniniche con neve a 600/800 m, netto miglioramento al Nord salvo locali piogge e nevicate in collina su Romagna e Nordest.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: