ViaggiNews

Si chiama “Ocean Atlas” ed è la scultura sottomarina più grande del mondo

lunedì, 27 ottobre 2014

Fonte immagine: www.underwatersculpture.com

Fonte immagine: www.underwatersculpture.com

Si chiama “Ocean Atlas” ed è la scultura subacquea più grande del mondo realizzata dal famosissimo scultore Jason deCaires Taylor impegnato proprio nella realizzazione di opere sottomarine. Questa però è la più grande al mondo e rappresenta una donna in ginocchio sui fondali dell’Oceano.

Siamo nella Baia di Nassau, nei pressi della costa di New Providence alle Bahamas, e proprio qui ha trovato caso la gigantesca donna marina di Taylor che la ha realizzata su commissione della Bahamas Reef Environmente Education Foundation. Una signora del mare che pesa 60 tonnellate e sembra portare su di sé tutto il peso del mondo.

Anche questa statua, come tutte le altre splendide creazioni, è realizzata con materiale sostenibile e con il pH-neutro per non intaccare gli ecosistemi marini e per rendere le superfici consone alla crescita di coralli e piante marine. Ecco perchè Taylor viene definito a tutti gli effetti un artista ecologico: creando bellezza, lascia spazio alla bellezza naturale della flora e della fauna marina di crescere e svilupparsi in totale armonia.
Altra creazione dell’artista che ha lasciato piacevolmente sorpresi tutti è stato il museo subacqueo di arte, “Musa”, sui fondali del mare di Cancùn, in Messico. Il Messico, con la sua storia, i suoi tesori e l’ineguagliabile bellezza delle sue spiagge è un luogo paradisiaco dove, anche in ottobre, i turisti nostrani possono apprezzare la possibilità di crogiolarsi al sole e godersi una vacanza da sogno. Se capitate qui potete inoltre ammirare un vero e proprio popolo di pietra che si trova sulla sabbia a 4 metri di profondità. Una scultura complessiva, di gruppo, in cui l’artista sembra proprio aver fermato il tempo in uno scatto fotografico meraviglioso. La si può ammirare facendo snorkeling oppure comodamente seduti su una barca con il fondo trasparente, molto sfruttata soprattutto dai turisti per questo tipo di escursioni.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: