ViaggiNews

Momenti di panico ad alta quota, aereo si spacca ed effettua un atterraggio d’emergenza VIDEO

venerdì, 17 ottobre 2014

aereo atterraggio d'emergenza

Incidente aereo ad alta quota/Roma – Sono stati attimi di panico quelli vissuti dai 187 passeggeri a bordo del volo American Airlines partito da San Francisco e diretto nell’aeroporto di Dallas. Dopo un crack udito da tutti, i pannelli si sono allontanati dalle pareti creando una vistosa crepa. Il capitano, intervenuto immediatamente, un volta appurato il danno e tranquillizzato tutti coloro che erano a bordo, ha creduto opportuno tornare indietro, nell’aeroporto di San Francisco, dal quale erano partiti poco tempo prima, compiendo un atterraggio d’emergenza.

A bordo del velivolo dell’American Airlines c’era anche James Wilson, che, nonostante terrorizzato da quanto stesse accadendo davanti ai suoi occhi, è riuscito a riprendere l’intervento del capitano e i volti delle persone a bordo con il suo smartphone. Lo stesso video, poi, è stato postato dal suo autore sul proprio profilo Facebook con l’intento di informare la moglie.

L’atterraggio è stato compiuto correttamente e senza alcun danno per i passeggeri a parte la paura vissuta in quegli attimi così concitati. Il portavoce della American Airlines ha fatto, poi, sapere che tutto sarebbe da addurre a un condotto dell’aria mal funzionante. Chiaramente è stata subito aperta un’inchiesta per vederci chiaro e dare una risposta ai circa 200 passeggeri a bordo diretti a Dallas.

Questo increscioso episodio fa tornare in mente una foto pubblicata da noi di viagginews qualche tempo fa che testimoniava come su un aereo di linea della nostra compagnia di bandiera, Alitalia, partito da Milano e diretto a Bari alcuni passeggeri fotografarono un rattoppo all’interno della cabina, fatto con del semplice nastro adesivo. La foto fece il giro del mondo sollevando numerosi commenti negativi nei confronti di Alitalia che, nonostante l’elevato prezzo del biglietto, non sempre garantisce l’incolumità dei suoi passeggeri utilizzando velivoli datati e spesso anche usurati.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: