ViaggiNews

Viaggiare low cost? Ora è possibile grazie all’House sitting!

sabato, 11 ottobre 2014

House sitting

Avete tanta voglia di viaggiare ma pochi soldi in tasca? Non abbattetevi, ora c’è un nuovo modo per poterlo fare limitando i costi e si chiama house sitting.

Tutto nasce dall’esigenza di alcune persone di avere qualcuno che sorvegli la loro casa mentre i legittimi proprietari sono lontani, per lavoro o vacanza. Si tratta quindi di svolgere piccole mansioni come innaffiare le piante o il giardino, dar da mangiare e portare a spasso gli animali, ritirare la posta, pagare le bollette e far sembrare che la casa sia abitata per scoraggiare eventuali ladri.

House sitting: come fare

In cambio di tutto ciò potrete vivere nella casa senza pagare l’affitto. Considerate che questo potrebbe essere il modo ideale per scoprire se un determinato paese vi va veramente a genio prima di trasferirvici.

Solitamente chi svolge il “lavoro” di House sitter non viene pagato e, prima di partire, deve lasciare una piccola cauzione che verrà negoziata tra le parti.

Generalmente la cauzione viene stabilita in base alla lunghezza del periodo di permanenza. Per passare all’azione e trovare la casa che fa per voi nella località prescelta dovrete andare su uno dei principali siti di house sitting, crearvi un profilo e cominciare a cercare.

Ecco alcuni dei principali siti dove rivolgervi:

  1. Mind My House: si tratta di uno dei più cliccati, di facile navigazione, offre opportunità in tutto il mondo, ma in particolar modo in America. Richiede 20 dollari di iscrizione.
  2. Trusted Housetters: anche questo è un portale affidabile dove gli annunci riguardano, in prevalenza, cani e gatti
  3. Luxory Housesitting: si tratta di un portale un po’ più piccolo che costa 10 dollari al mese di iscrizione, ma attenzione l’housesitter in questo caso viene pagato
  4. Caretaker: anche questo è un portale molto rinomato. Ci sono diverse modalità di iscrizione in cui, la più economica è quella da 29.95 dollari l’anno

Fonte foto: web

Fonte: Huffington Post.it

Tags:

Altri Articoli Interessanti: