ViaggiNews

Il lavoro più strano del mondo: diventare una sirena si può!

mercoledì, 1 ottobre 2014

sirena

La vostra eroina Disney preferita è sempre stata Ariel e da bambine avete sognato di diventare simili a lei? Bene, allora non dovrebbe sconvolgervi la scelta di una diciannovenne americana, Emily Keat che, pur laureata, ha deciso di investire tutte le sua energie nel lavoro di sirena professionista.

Sì, avete capito bene, ma mentre nelle Filippine le bambine seguono un corso per imparare a diventare sirenette, questa intraprendente ex studentessa ha fatto tutto da sé riuscendo a conquistarsi una nicchia con cui guadagnarsi da vivere.

La giovane ha iniziato facendosi crescere una lunghissima coda tinta di rosso, ha cucito insieme tutti i suoi costumi per creare un “vestito adatto” e infine ha studiato le mosse e il comportamento giusto per diventare quanto più possibile simile al suo mito: la Sirenetta appunto.

In questo modo riesce a intrattenere grandi e piccini in occasione delle feste per bambini, posa come modella e viene chiamata per eventi come la promozione delle spiagge pulite.

La ragazza, sin da piccola, ha sempre nutrito una grande passione per le creature mitologiche, tra cui anche le fatine, e finalmente sembra aver coronato il suo sogno “diventando” una di loro e realizzandosi in quello che alcuni potrebbero definire il lavoro più strano del mondo, ma che per lei non lo è.

“Inizialmente non ero sicura che, con una coda da sirena sarei riuscita a nuotare in quel modo e ad essere credibile” ha confessato la giovane. Per questo motivo si è allenata molto a percorrere lunghe distanze e trattenere il fiato proprio come farebbe una sirena.

Scopo della sua iniziativa ora è anche quello di sensibilizzare le persone circa la necessità di tenere pulito il mare e combattere l’inquinamento.

Decisamente una sirenetta molto impegnata anche a livello sociale. E voi cosa ne pensate dell’idea di questa audace ragazza?

Lei ha dimostrato che diventare sirena professionista si può!

 

 Fonte foto: Express Uk

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: