ViaggiNews

L’orsa Daniza uccisa durante la cattura: scatta l’indignazione

venerdì, 12 settembre 2014

Daniza uccisa

L’orsa Daniza è stata uccisa durante la cattura predisposta nei suoi confronti dalla Provincia di Trento  dopo che, nel mese di Agosto, aveva attaccato un cercatore di funghi che si era avventurato nel bosco.

Daniza, madre di due cuccioli di sei mesi che ora dovranno affrontare il lungo inverno da soli, non è sopravvissuta all‘anestesia effettuata su di lei nella notte tra mercoledì e giovedì.

A dare l’annuncio sono stati gli stessi organismi competenti della Provincia Autonoma di Trento che, inizialmente, avevano deciso di sopprimerla perché ritenuta pericolosa.

La loro controversa decisione aveva suscitato subito molte costernazioni e critiche, soprattutto dalla parte delle associazioni animaliste che si erano immediatamente mobilitate per salvarla.

Dopo un mese di caccia serrata, per rinchiudere Daniza in un’area dove non avrebbe potuto minacciare nessuno, si sono verificate, a detta del corpo forestale, le condizioni per procedere con le operazioni.

Qualcosa però è andato storto e l’orsa non ha retto all’anestesia. Daniza era stata introdotta in Trentino nel 2000 nell’ambito di Life Ursus, un progetto dell’Unione Europea che mirava a contribuire a sollevare le sorti dell’ultimo nucleo di orsi bruni dell’Appennino italiano.

A seguito della tragedia sulla Provincia Autonoma di Trento sono piovute forti critiche da tutte le parti.

Il corpo della Forestale, che già in passato aveva espresso delle perplessità in merito alla necessità dell’operazione, ha deciso per l’apertura di un’inchiesta con l’ipotesi di reati di maltrattamento di animale e uccisione dello stesso senza reale motivo.

Animalisti e simpatizzanti sono convinti che l’orsa non meritasse di essere abbattuta in quel modo e che la sua reazione minacciosa di agosto fosse dovuta al comprensibile desiderio di proteggere i suoi cuccioli, ora rimasti orfani.

Uno di essi è stato catturato e dotato di marca auricolare prima di essere rilasciato.

Mentre Lav, Legambiente, WWF e Lipu sono compatti nel chiedere spiegazioni sulla morte di Daniza, su Twitter, dopo l’hashtag #iostocondaniza è nato anche quello #giustiziaperdaniza, bellissimo e ormai raro animale vittima della stupidità umana.

Fonte foto: Pinterest

 

 

 

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: