ViaggiNews

Due suore e un volontario uccisi in Burundi e in Turchia dopo una rapina. Lutto nel mondo del volontariato

lunedì, 8 settembre 2014

Getty Images

Getty Images

La notizia è stata confermata nella serata di ieri: un campeggiatore italiano, Giorgio Bozzo, 70 anni di Genova, è stato ucciso a colpi di pugnale in Turchia da due persone che hanno anche ferito la moglie Rita. Il tutto è successo in Turchia a Rize dove l’uomo era impegnato in una missione umanitaria organizzata con l’associazione “Arance di Natale Onlus” che si occupa di portare aiuti umanitari ai bambini orfani.

L’uomo era partito, come faceva da diversi anni, con altri camperisti da Genova dell’associazione, a inizio estate e la missione era passata anche dalla Georgia e dall’Armenia.  Dopo le varie tappe Giorgio, sua moglie ed altri compagni di viaggio erano dunque in procinto di fare ritorno a casa, ma avevano deciso di fermarsi una notte a Rize dove si è consumato il “vergognoso omicidio” come lo definiscono i quotidiani online turchi.

La dinamica dell’omicidio del volonatario genovese

Proprio secondo i media locali l’omicida sarebbe un tossicodipendente 28enne, Hali K. che, per rapinare i coniugi, li avrebbe accoltellati, ma nella fuga si sarebbe rotto un piede così da rendere ancora più immediate le ricerche e la cattura dell’uomo da parte delle forze dell’ordine locali.

La notizia, confermata dalla Farnesina, ha rapidamente raggiunto familiari e amici che si sono detti sconvolti per l’accaduto. Come si legge su il “Secolo XIX” alcuni colleghi dell’associazione umanitaria lo hanno descritto come una persona meravigliosa e molto piacevole per intraprendere missioni di questo tipo. L’uomo infatti aveva lavorato per anni al porto di Genova  e questo gli aveva permesso di consocere e capire tantissime lingue diverse: “Era un punto di riferimento” raccontano gli altri volontari con la voce rotta dalla commozione.

Anche due suore missionarie uccise in una rapina in Burundi

Ma le brutte notizie nel mondo del volontariato e delle missioni umanitarie non sono finite. La Diocesi di Parma ha infatti scritto sul suo sito web che due suore missionarie Olga Raschietti e Lucia Pulici sarebbero morte in circostanze ancora da chiarire mentre si trovavano in Burundi a Kamenge. Anche in questo caso si parla di una rapina finita male.

Il Vescovo Enrico Solmi a nome di tutta la Chiesa di Parma – si legge sul sito ufficiale della diocesi- ha espresso la vicinanza e il cordoglio alla Congregazione delle Missionarie Saveriane e ai familiari delle due sorelle affidandole, nella preghiera, al Signore della Vita“.

La Farnesina nelle ultime ore ha confermato l’uccisione delle due anziane suore e il ministro Federica Mogherini ha espresso vivo dolore e commozione per questa tragedia che vede la morte di due donne che hanno dedicato tutta la loro vita ad alleviare le sofferenze di tantissime persone in Africa. Il ministro degli Esteri ha poi aggiunto in una nota: “Attendiamo ora che le autorità del Burundi chiariscano quanto accaduto e ci adopereremo per riportare in Italia quanto prima le salme delle due religiose”.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: