ViaggiNews

Arrivano gli “Orti di Nemo” le coltivazioni…in fondo al mar!

mercoledì, 3 settembre 2014

htbg

Si chiamano “Orti di Nemo” e sono i primi orti subacquei del mondo. Basilico e insalata coltivati sul fondo del mare, a circa 8 metri di profondità, e protetti da delle biosfere in materiale semitrasparente. Sembra follia, forse fantascienza, invece la Liguria è la prima a livello mondiale a fare questa sperimentazione di cui tutti i giornali stanno iniziando a parlare con grande curiosità.

Siamo a Noli, e l’ingegner Sergio Gamberini, amministratore unico della Me.Stel con base a Sant’Olcese, e subacqueo d.o.c. ha portato avanti numerosi studi che hanno permesso poi la nascita di questo progetto. Come racconta al Fatto Quotidiano: “All’interno della biosfera degli orti di Nemo si crea una climatizzazione stabile, in virtù del costante livello della temperatura del mare, e una umidificazione altrettanto costante, prodotta dall’evaporazione dell’acqua marina che lambisce i semenzai nella parte bassa della biosfera.

Il ciclo clorofilliano naturale, innescato dalla luce che dall’esterno raggiunge la biosfera, nelle colture di basilico mantiene livelli sufficienti di ossigeno e Co2. E infine, parassiti ed insetti – purché non siano stati presenti già nelle coltivazioni terrestri – non riescono a riprodursi nelle biosfere subacquee. Ciò consente di risparmiare l’uso di antiparassitari e insetticidi”.

A oggi, pur essendo nel campo della mera scienza con tutti i rischi connessi a una sperimentazione ancora in corso, sembra che le coltivazioni di basilico degli orti di nemo stiano crescendo bene con le piantine che hanno raggiunto l’altezza di circa 7 centimetri e, l’Arabia Saudita, avrebbe chiesto agli scienziati liguri un prototipo di biosfera per coltivare la lattuga.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: