ViaggiNews

Estate 2014: ecco dove andare per una vacanza…fresca!

mercoledì, 2 luglio 2014

la thuille

Estate 2014. In vacanza in montagna. Da metà luglio, a La Thuile, una settimana di festeggiamenti per celebrare i 150 anni delle Cascate Rutorine, così chiamate, dopo il 1860, dall’Abbé Chanoux , nei primi anni del suo rettorato all’Ospizio del Piccolo San Bernardo. Generate dall’omonimo torrente, le cascate, già verso la fine del 1800 avevano iniziato a richiamare l’attenzione turistica da parte di un pubblico sempre più sensibile alle bellezze naturali , e per questo, nel tempo, sono state oggetto di diversi interventi di valorizzazione .

Il ponte, ricostruito sui resti di quello antico, già documentato a fine 1800, verrà inaugurato ufficialmente il 21 luglio. Dal 20 luglio, Santa Margherita, giorno in cui, anticamente, la popolazione di La Thuile saliva in processione al ghiacciaio per scongiurare le alluvioni, prende inizio una settimana di festeggiamenti per celebrare il centocinquantenario delle Cascate Rutorine

Un programma ricco di eventi che si apre il 20 luglio alle ore 16.30 con l’inaugurazione dell’esposizione fotografica e documentaria, a cura del Comune di La Thuile e della Fondazione Montagna Sicura, posizionata nella piazzetta Corrado Gex e ap erta al pubblico fino al 30 settembre. Una mostra che racconta l’origine delle cascate, le rotte glaciali del Rutor, le caratteristiche del ghiacciaio e la sua storia.

Il 21 luglio, invece, il momento emozionante dell’inaugurazione del ponte sulla terza cascata, che darà modo di passare nuovamente da un versante all’altro del torrente del Rutor, offrendo uno spettacolo molto suggestivo sui due salti sottostanti. La cerimonia , alla quale saranno presenti le autorità locali e della regione Valle d’Aost a, inizierà alle 10.00 con partenza dalla frazione di La Joux, per salire verso la terza cascata, continuerà con un pranzo consumato al sacco nella bucolica località Parcet e, sempre in quest’area particolarmente poetica, culminerà con l’esibizione del tri o d’archi Synfonica in un concerto di musica classica sulle note melodiche di Mozart, Schubert e Beethoven.

La settimana, nella quale si alterneranno diversi momenti educativi, conferenze con esperti ed escursioni con le guide naturalistiche e i geologi, terminerà, venerdì 25 luglio, con l’esplorazione geo – naturalistica alle cascate e ai laghi del Rutor.

Tutti i venerdì, dal 1 ° agosto con eccezione del giorno 15 , sono previsti appuntamenti escursionistici alle Cascate con le guide della natura. I percorsi si sviluppano sui nuovi sentieri aperti lo scorso anno sulla sinistra orografica della Dora fino al nuovo ponte sulla terza cascata. Di qui l’ascesa fino al rifugio Deffeyes per rimirare , a distanza , l’estension e e la bellezza del ghiacciaio del Rutor.

Le 3 Cascate del Rutor sono tra le più spettacolari della Valle d’Aosta e sono generate dall’omonimo torrente, alimentato dai numerosi laghetti posti all’estremità nord – ovest del ghiacciaio del Rutor (sesto ghiacciaio d’Italia). Per ammirarne la bellezza si può percorrere un sentiero che nel tempo complessivo di 1 ora e venti porta da La Joux t frazione a circa 3 Km dal centro di La Thuile (1.603 m) – alla terza cascata (1.996 m).

Si parte dai casolari di La Joux, si percorre la mulattiera, che attraversa boschi di conifere, fino ad arrivare, dopo venti minuti, allo spettacolare punto di osservazione sulla prima cascata, che si trova a 1.700 m, è consigliata una breve deviazione all ’emozionante passaggio sul ponte che sovrasta la cascata e permette di osservarla dall’alto. Si prosegue nel bosco fino a raggiungere la Baita Parcet (1.772 m), passando per un bucolico pianoro vicino al torrente, si riprende a salire per il sentiero, a tr atti lastricato, fino alla svolta a destra per la seconda cascata, a 1.850 m. Pochi tornanti ancora e in brevissimo tempo si può ammirare sulla destra anche la terza cascata, oggi attraversabile grazie al nuovo ponte, nei cui pressi si trova un bivio che o ffre a tutti la possibilità di raggiungere il Rifugio Deffeyes (2.494 m) o deviare sulla destra in direzione dei Laghi di Bellacomba.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: