ViaggiNews

Allarme caldo in tutta Italia: ecco le previsioni per la settimana

lunedì, 9 giugno 2014

(GettyImages)

(GettyImages)

 

Allarme caldo in tutta Italia – Il caldo ha impiegato qualche settimana in più del normale ad arrivare in Italia, ma ora che è finalmente sopraggiunto è già scattato l’allarme. Come si legge e si vede sui maggiori siti di meteorologia infatti l’anticiclone africano sta letteralmente dominando su tutta la nazione con temperature elevate sia durante il giorno che durante la notte.

Ieri in Toscana e nella Pianura Padana sono stati toccati dei massimi di 35°, ma anche in altre zone d’Italia le minime erano superiori ai 20° con tassi di umidità elevatissimi. Ciò che sta allarmando sono delle anomalie alle temperature che sono in aumento di 5/7° al nord; 3/5° al centro e Sardegna e 1/3° al Sud.

Ecco le minime più alte d’Italia:  Reggio Calabria +23°C, Trieste +22°C, Napoli +22°C, Genova +22°C, Treviso +21°C, Milano +21°C, Bologna +20°C
Misure autoprotezione per il caldo:Sul sito dell’Arpal della Liguria sono state segnalate delle misure di autoprotezione in caso di disagio fisiologico per il caldo:

  • 1. evitare di stare all’aria aperta tra le ore 12 e le 18. Sono le ore più calde della giornata;
  • 2. fare bagni e docce d’acqua fredda per ridurre la temperatura corporea;
  • 3. schermare i vetri delle finestre con persiane, veneziane o tende per evitare il riscaldamento dell’ambiente;
  • 4. bere molta acqua. Soprattutto gli anziani e i bambini devono bere anche in assenza di stimolo della sete: anche se non si ha sete, il corpo potrebbe avere bisogno di acqua;
  • 5. evitare bevande alcoliche, consumare pasti leggeri, mangiare frutta e verdure fresche. Alcolici e pasti pesanti aumentano la produzione di calore nel corpo;
  • 6. indossare vestiti leggeri e comodi, in fibre naturali. Gli abiti in fibre sintetiche impediscono la traspirazione, quindi la dispersione di calore;
  • 7. accertarsi delle condizioni di salute di parenti, vicini e amici che vivono soli e offrire aiuto perché molte vittime delle ondate di calore sono persone sole;
  • 8. soggiornare anche solo per alcune ore in luoghi climatizzati per ridurre l’esposizione alle alte temperature.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: