ViaggiNews

Top 5: i trucchi più usati nei supermercati del mondo per farti comprare

sabato, 10 maggio 2014

Getty Images

Getty Images

 

I trucchi più usati dai supermercati per farci comprare qualcosa/Roma – Si sa, il marketing, il packaging e le offerte sono dei veri e propri ami a cui abboccare per poter riuscire a vendere qualcosa di più ad un cliente. Nei supermercati poi, ogni prodotto è messo secondo una logica di mercato molto precisa. Il giornale online Linkiesta.it ha così pubblicato alcune delle tecniche di “vendita indotta” più comuni al mondo!

  • Profumo: se l’ambiete in cui vi trovate a fare acquisti ha un determinato odore può suscitare delle impressioni, delle sensazioni che vi indurranno ad uno stato d’animo positivo e alla voglia di comprare!
  • Utilizzo di testimonial: Carlo Cracco, Rocco Siffredi, Jamie Oliver, Prunella Scales…se questi personaggi si sono prestati a fare da testimonal a determinati prodotti non è necessariamente perchè ciò che state per acquistare è delizioso. Rientra chiaramente in un’ottica di marketing che vi farà avere più fiducia del marchio.
  • Posizione dei prodotti: non nascondiamoci dietro un dito, i prodotti più costosi sono posizionati nei punti più accessibili e più raggiungibili dallo sguardo. Guardate bene in alto e in basso!
  • Il cestino: il fatto che i supermercati mettano a vostra disposizione questi comodi cestini è certamente per facilitare la vostra spesa, ma tenete anche a mente che chi ha un cestino in mano difficilmente uscirà a mani vuote da qualsivoglia negozio, il senso di vuoto di riportare il cestino a posto senza aver preso niente istiga molti a comprare anche qualcosa di superfluo pur di non “sentirsi diversi”.
  • La musica: un po’ come il profumo, la musica ha un potere molto importante sull’animo umano e sulla predisposizione del singolo ad acquistare qualcosa. La musica classica secondo alcuni studi incentiva all’acquisto perchè stimola ricordi e immagini di ricchezza e benessere, musiche ritmate invece istigano ad acquisti veloci e poco ragionati.

 

 

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: