ViaggiNews

Alberghi low cost Londra: dove dormire spendendo poco

mercoledì, 7 maggio 2014

londraAlberghi low cost, Londra, dove dormire/Roma – Londra la città europea più cara in assoluto, ma ha sempre un fascino particolare: il Tower Bridge, la Torre, il cambio della Guardia Reale, Carnaby Street (clicca qui per la guida low cost a Londra) sono solo alcuni dei motivi per i quali una visita a questa stupenda capitale bisogna pur farla.

Certo, bisogna dare un’occhio al portafogli, per questo noi di Viagginews vi segnaliamo alcuni alberghi dove andare a dormire spendendo poco. Siete pronti a prendere carta e penna?

  • Easyhotel (www.easyhotel.com) Si tratta di una catena che appartiene al gruppo easyjet. Le stanze partono da 30 euro, ma se volete prezzi più bassi prenotate con anticipo. Le camere  sono però senza finestra e piuttosto piccole; inoltre se volete guardare la tv dovrete pagare un supplemento di circa 12 euro. A Londra ce ne sono 7 e s i trovano a Earls Court (44-48 W Cromwell Rd), Victoria (34-40 Belgrave Rd), Barbican (80 Old st.), South Kensington (14 Lexham Gardens), Paddington (10 Norfolk Place) e vicino agli aereoporti di Luton e Heatrow.
  • Ibis Budget London ( www.accorhotels.com). Situato a Whitechapel e vicino ad uno dei mercati più noti di Londra,  l’Old Spitalfields market, è sicuramente più accogliente. Camera doppia, bagno con doccia, tv e internet sono disponibili a 42,50 euro a notte per persona, più 5 euro se volete anche la colazione.
  • HOTEL 55  (www.hotel55-london.com) Considerato dal Guardian tra i migliori 10 hotel a basso costo della città,  si trova vicino alla stazione della metro di North Ealing sulla Picadilly line. Una doppia costa all’incirca 58 euro a persona con ogni comfort. La colazione è inclusa.

Visto che avete tre fasce di prezzo potete farvi un’idea precisa: in fondo per risparmiare basta solo avere le idee giuste per poter trovare la soluzione più comoda ad un prezzo accettabile. In questo modo Londra sarà tutta vostra e potrete cantare allegramente “God Save the Queen”.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: