ViaggiNews

Il Falò della Befana, tradizione del Nord-Est d’Italia

giovedì, 2 gennaio 2014

Getty Images

I Fuochi delle Befana nel Nord-est d’Italia/Roma Il giorno dell’Epifania è tradizione, in alcune zone del nostro Bel Paese, bruciare delle grandi cataste di legno e frasche. Pare che questa sia un’usanza proveniente dai riti purificatori e propiziatori dell’epoca pre-cristiana, dove venivano accesi dei fuochi per ingraziarsi la divinità relativa e nei quali bruciavano un fantoccio che rappresentava il passato. Ancora oggi questo simboleggia la speranza di bruciare tutto ciò che è vecchio.

Tutti i partecipanti al falò guardano e commentano la direzione delle scintille che viene letta come presagio per il futuro, in Friuli, per esempio, se le fiamme si dirigono verso est la sorte sarà buona, se, viceversa, si dirigono verso ovest sarà avversa. Ai tempi nostri, in alcuni posti, invece che il fantoccio si brucia la befana, ovvero “la vecchia” che rappresenta l’anno passato che brucia, i dolci che porta rappresentano i doni dell’anno appena entrato, la scopa serve per spazzare via l’anno vecchio, e le calze rotte simboleggiano il cammino fatto.

Il cosiddetto “rito dei fuochi” oggi è anche, e soprattutto, un momento di aggregazione della comunità che si raccoglie per stare in compagnia. In queste occasioni il tutto viene accompagnato dalla degustazione del classico vin brulè e dai prodotti culinari tipici e, non di rado, vengono organizzati spettacoli pirotecnici.

Vediamo di seguito alcuni luoghi dove poter assistere a questo evento:

Garda – Il 6 Gennaio, alle ore 18,00, si rinnova il rito de El Bruiel, il falò della Befana con la cd “vecia” che viene bruciata.

Bardolino – La “vecia” verrà bruciata alle 17.00 al Lido di Cisano.

Verona – Alle 17.00 in Piazza Bra si terrà il tradizionale falò che chiude le festività natalizie.

Peschiera del Garda Ritrovo alle 17.30 presso il centro “La Nostra Casa” in località San Benedetto, per il falò dell’Epifania.

In tutto il Friuli Venezia Giulia, dal paesino più sperduto alla città più grande, vengono accesi decine di fuochi (uno a quartiere), attorno ai quali si fa festa con musica, cibi e fuochi d’artificio. La stessa cosa succede anche in Emilia Romagna, evitiamo, pertanto di fare l’elenco poichè sarebbe davvero lungo.

Beh, a noi non ci resta che augurarvi un anno pieno di cose belle!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: