ViaggiNews

Sudan: in tour tra le Piramidi dei Faraoni Neri

martedì, 26 novembre 2013

Getty Images

Idee di Viaggio: il Sudan come non l’avete mai visto/Roma – Se quest’anno, per il vostro tradizionale viaggio prima o dopo Natale state pensando a una meta esotica e non tradizionale, ecco che il Sudan, con le sue gloriose Piramidi è quello che fa per voi.

Nel cuore dell’affascinante deserto nubiano, il Sudan vi offre la necropoli reale di Meroe, una delle più antiche e importanti città dell’Africa Sahariana.

Meroe vanta una tradizione millenaria. Fu infatti la prima capitale del Regno di Kush, tra l’800 a.c. e il 350 a.c. e, successivamente, del regno omonimo. Questa località, con il suo accattivante scenario, è un luogo tranquillo da poter visitare in tutta sicurezza, ben lontano dalle orde di turisti dell’Egitto. Più precisamente Meroe si colloca a est della capitale Karthoum tra le città di Shendi e Atbara. Questa inoltre potrebbe essere l’occasione giusta per fare un’escursione in una delle zone archeologiche meno conosciute del Continente Nero, ovvero la Nubia.

Terra di antichissime origini, risalenti al neolitico, la Nubia nel corso dei secoli, ha assorbito l’influenza sia dei Paesi mediterranei che di quelli del Sud, riuscendo però a mantenere una certa indipendenza culturale rispetto all’Egitto e alla restante Africa. Qui vissero e prosperarono i Faraoni Neri, illustri sovrani che tra l’VIII e VII secolo a.c. furono così audaci da spingersi fino al delta del Nilo fondando una propria dinastia. Si trattò però di un dominio di breve durata sotto il sovrano Napata, perché gli egizi riconquistarono in fretta i territori persi.

Nonostante un cercatore di tesori italiano Giuseppe Ferlini, abbia distrutto parecchie piramidi, ancora oggi se ne possono ammirare 200, ovvero i resti di un Impero che l’Unesco ha deciso di salvaguardare come Patrimonio dell’Umanità.

È la maggior concentrazione al mondo di monumenti funerari di questo tipo (l’Egitto infatti arriva a 120). Le piramidi di Meroe però differiscono parecchio dalla “tradizionale” immagine dei tumuli egizi, sono più piccole, alte non più di 10-20 metri, ma piuttosto aguzze, l‘inclinazione delle pareti arriva a 70°e, cronologicamente, erano ancora in costruzione mentre quelle egizie si avviavano già alla rovina.

In queste costruzioni non troveremo una camera funeraria, perché faraoni e regine venivano sepolti di sotto con tutto il loro corredo. Sul davanti invece presentano un tempietto quadrato con pareti istoriate a bassorilievi, oggetto di questi racconti naturalmente, le gesta del sovrano.

Il nostro tour però non potrebbe dirsi completo senza una sosta ai templi di Naga e Musawwarat, presso le tombe sotterranee di El Kurru e i templi alla base di Jebel Barkal, la montagna sacra.

Soffermatevi a osservare le Piramidi di Karima ai piedi del monte Jebel Barkal al tramonto, avrete davanti agli occhi un panorama indimenticabile.

Dalla montagna di Jebel Barkal, che si raggiunge facilmente anche a piedi e che ai tempi era probabilmente un luogo dove si officiavano riti religiosi, si può avere una splendida vista su Karima e il Nilo.

Lungo questo fiume, nascoste in minuscoli villaggi, si celano le meravigliose case dipinte della Nubia, che si caratterizzano per avere muri incisi e decorati di rosso, giallo, verde e blu. Gli interni farebbero invidia al miglior designer minimalista. Rispettando la loro funzione abitativa, difensiva e rituale creano un connubio perfettamente equilibrato tra natura, villaggio, uomini e terra, dando origine allo spettacolare “nubian style”.

Le case nubiane sono testimoni di un patrimonio inestimabile di storia e cultura, una sorta di libro inciso sui muri, sui pavimenti e i portali. Certamente meritano una visita.

Informazioni utili: Viaggi Levi, Tucano Viaggi, Viaggi Ricerca, Azalai Viaggi organizzano viaggi tra dicembre e gennaio. Si parte da 2500 euro a persona per 9 giurni di tour con pensione completa.

Correte a prenotare il misterioso Sudan vi attende!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: