ViaggiNews

Andare in India a Natale: ecco il regalo giusto per chi ama viaggiare

sabato, 23 novembre 2013

Getty Images

Guida India: cosa non perdersi in un tour/Roma – Per questo Natale, invece di spendere molti soldi in regali e oggettini materiale che, per quanto possono far piacere sono comunque “freddi”, meglio mettere qualche euro da parte e progettare o regalarsi una bella vacanza in India. E’ un territorio mistico, perfetto per ritrovare se stessi e per ritrovare quel rapporto viscerale e intimo con la natura. Spesso però ci si trova anche di fronte a una realtà completamente diversa dalla nostra, caotica e poverissima nelle città principali che potrebbe mettere a dura prova le vostre capacità di adattamento.

COSA VEDERE:

Sicuramente, non potete perdervi la visita a Nuova Delhi. Non solo è la capitale dell’India, ma è una città di grandi spazi, commerciale e governativa. In lei convivono la tradizione e il nuovo. E’ un luogo calmo e arioso dove si trovano tutti gli hotel di lusso e, intorno alla piazza principale – Connaught Place –, la maggior parte dei ristoranti occidentali. Conosciuta come la “porta dell’India del nord”, grazie alla posizione privilegiata, Nuova Delhi è stata costruita sotto l’Impero britannico. Merita certamente l’aggettivo “nuove” dal momento che, dopo che gli inglesi la eressero a sede del governo coloniale, progettarono la realizzazione di un nuovo centro, che iniziò ad essere concretamente costruito solo a partire dagli anni Trenta.

Altra meta molto importante per un tour completo dell’India è sicuramente Varanasi, la città eterna e capitale religiosa dell’India costruita sulle sponde del fiume sacro, il Gange. Patria di romanzieri, filosofi e studiosi si dice che chi finisca qui i suoi giorni vada direttamente in Paradiso.

Rimanendo in tema di religione e sacralità per dire di aver fatto un tour dell’India bisogna anche passare da Calcutta, la capitale del Bengala occidentale definita “città della gioia” nonostante il degrado e la povertà urbana abbia ormai raggiunto livelli elevatissimi. Se però volete dedicarvi un po’ di relax potete farlo al Maidan, il polmone verde della città, oppure nell’Indian Museum, probabilmente il più grande e fornito di tutto il paese.

Fiore all’occhiello, ma anche ovviamente la meta più quotata è sicuramente una visita al Taj Mahal ad Agra: costruito in marmo bianco in onore della moglie dell’imperatore è l’emblema del sentimento più elevato del mondo. Da qui potete poi dedicarvi anche a un tour dei colori con la città rosa di Jaipur nel Rajasthan.

CONSIGLI DI VIAGGIO:

Come si legge su Lonely Planet Italia le vaccinazioni consigliate sono quelle per difterire e tetano, epatite virale A, epatite virale B, febbre tifoide, rabbia, encefalite giapponese, poliomielite. In India inoltre non è sicuro bere l’acqua di rubinetto, per cui è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate oppure bevande calde. In alternativa l’acqua corrente può essere trattata facendola bollire per almeno 15 minuti, al fine di garantire la più efficace delle purificazioni.

 

 

 

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: