ViaggiNews

Tir blocca l’autostrada per salvare una bambina

mercoledì, 4 settembre 2013

Tir si mette di traverso in autostrada per salvare una bambina \ Roma – Traffico, un tir e una famiglia in viaggio. Classici elementi di una normale giornata in autostrada ma questa volta la storia è alquanto più complicata e unica nel suo genere.

L’autostrada Milano-Venezia, A4, ha infatti assistito ad una vera e propria gara di solidarietà quando qualche giorno fa una Ford Galaxy è andata a sbattere sulla barriera new jersey centrale fra Dalmine e Bergamo. Dal sedile posteriore è infatti stata sbalzata fuori dal veicolo una bambina di appena otto anni, finita così sulla sfalto alla mercè delle machine che ovviamente cocrrevano ad alta velocità.

Davanti la disperazione del padre e della madre, il primo ad intervenire è stato un camionista: l’uomo ha infatti prontamente posto il suo tir di traverso all’autostrada così da proteggere la piccola e fermare la corsa delle macchina in arrivo.

L’azione è stata così repentina e insolita che al sopraggiungere dei primi soccorsi si è pensato che il tir fosse parte in causa dell’incidente. Si trovava infatti a passare di lì un pulmino con alcuni volontari della Cri di Lomazzo (Como), diretti alle gare di primo soccorso a Castiglione delle Stiviere. “Abbiamo visto il camion sull’autostrada – ha spiegato la caposquadra Susanna Pagani – […] Pensavano che avesse avuto lui l’incidente. Passando, poi, abbiamo visto un uomo in ginocchio che stringeva una bambina”.

La bambina era però in arresto cardiaco e così, con l’aiuto del padre, i volontari hanno proceduto alla rianimazione. Quando la piccola si è ripresa erano giunti ormai sul luogo anche la polstrada, l’automedica e l’ambulanza che ha portata la piccola in ospedale.

I coraggiosi soccorritori hanno proseguito così il loro viaggio e la bambina, anche se in gravi condizioni, è giunta sana e salva all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. Si spera che qualcuno possa prima o poi raccontarle. la catena solidale che ha salvato la sua vita.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: