ViaggiNews

Gli “Uomini Blu”: il misterioso popolo del Sahara

sabato, 27 luglio 2013

Getty Images

Leggende e tradizioni dei tuareg/Roma – Se qualcuno di voi ha avuto la fortuna di visitare il deserto del Sahara e di passarvi almeno una notte, si ricorderà sicuramente di alcuni attimi emozionanti e di alcune sensazioni uniche mai provate prima di allora. Il Sahara è il deserto caldo più vasto della Terra e si estende dall’Oceano Atlantico al Mar Rosso. Essendo così ampio ha in sé diverse tipologie di paesaggio: l’hammada – deserto di roccia liscia e tagliente -, il serir – deserto costituito da ciottoli e ghiaia –  e infine l’erg – il classico deserto con le dune di sabbia – .

La prima cosa che colpisce un turista arrivato nel bel mezzo del deserto del Sahara Centrale, ossia quello dell’erg, è sicuramente il silenzio. Una calma, una totale assenza di rumori che lascia piacevolmente spiazzati. Se però poi vi mettete bene all’ascolto inizierete ad udire qualcosa: il vento che accarezza e modella le dune attorno a voi. Il secondo step nella scoperta emotiva del deserto è sicuramente il paesaggio. Vi chiederete come ha fatto la guida che vi ha accompagnato fino a quell’oasi a non perdersi perché, per voi, le dune sono tutte assolutamente uguali.

Getty Images

Se chiedete alla vostra guida probabilmente vi racconterà la storia della famosa Croce del Sud, un gioiello tipico della tradizione tuareg. I tuareg, intanto, sono una popolazione berbera nomade che si sposta nel cuore del Sahara e possiede dunque un’ampia conoscenza delle costellazioni. Loro, a differenza dei berberi del Nordafrica, sono chiamati e conosciuti anche come “Uomini Blu” per via della loro tradizione di coprirsi il volto e la testa con un velo blu, lasciando scoperti solo gli occhi. Il motivo pratico è molto semplice: i venti nel deserto, soprattutto di sera, possono trasformarsi in vere e proprie tempeste e quindi la necessità primaria è quella di proteggersi dalla sabbia e dal caldo eccessivo. Questa usanza però ha creato un vero e proprio alone di mistero attorno alla popolazione tuareg in quanto si dice che i loro occhi siano così abituati a guardare lontano tanto da avere l’infinito dentro. Inoltre si dice anche che questo velo tipico abbia lo scopo di proteggere le porte dell’anima, bocca e narici, dagli Jinn gli spiriti maligni che tendono inganni e terribili tranelli ai viaggiatori.

La Croce del Sud, come abbiamo detto, è quindi un gioiello molto importante per i tuareg: considerata come un talismano potentissimo è realizzata in argento, viene tramandato da padre in figlio e rappresenta i quattro angoli della Terra oltre a ricordare la costellazione omonima e quindi a “indicare la via”. Ci sono 21 croci tipiche e, ognuna di queste, porta il nome delle oasi locali che si estendono tra Agades e i rilievi dell’Hoggar. Proprio a Agades, la cooperativa degli artigiani locali, si trova la collezione “ufficiale” di tutte le croci. Si sa così che la nomenclatura “croce” è europea; inoltre la croce più importante, che deve essere rigorosamente in argento perché l’oro è considerato una lega demoniaca, è quella di Agades.

Oggi i Tuareg, purtroppo ex uomini liberi e senza confini, hanno ben chiaro che il deserto non è più una patria senza limiti dove viaggiare e muoversi liberamente, ma in ogni caso continuano con il loro stile di vita e mantengono forti le loro usanze e le loro tradizioni.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: