ViaggiNews

TOP 5: come deve essere la spiaggia a misura di bambino?

lunedì, 8 luglio 2013

da GettyImages

Le cinque caratteristiche irrinunciabili per una spiaggia a prova di bambino \ Roma – Le ferie sono oramai a portata di mano, la scuola è finita e il caldo si fa sentire: è il momento di fare le valigie e partire con i più piccoli!

Già perché estate per chi ha dei figli vuol dire soprattutto poter passare del tempo con loro, avere l’opportunità di farli divertire e di concedergli qualche giornata di svago. C’è però in tutto ciò una sola condizione imprescindibile da rispettare senza se e senza ma, la sicurezza: per vivere davvero delle giornate in totale relax è indispensabile poter contare su una serenità di base derivante dalla consapevolezza che il nostro cucciolo non corra alcun pericolo. A tale scopo vogliamo proporvi 5 semplici regole o, meglio, parametri che vi consentiranno di selezionare la spiaggia più adatta alle necessità di un bambino. Prendete nota!

  1. Sabbia: una spiaggia sabbiosa è senza dubbio più adatta rispetto a una con ciottoli e scogli per i bambini.Ciò infatti gli consentirà di muoversi in totale libertà, evitando di inciampare ma anche di dover obbligatoriamente portare ciabatte o scarpine. Ottime in questo senso sono alcune spiagge del Salento o, per chi volesse allontanarsi un po’ di più, la costa nord ovest di Corfù.
  2. Fondale basso: per poter stare tranquilli anche nel momento del bagno, in assoluto il più amato dai piccoli viaggiatori, sarebbe bene optare per una spiaggia in cui, a partire dalla riva, il fondale rimanga basso quanto più a lungo possibile, senza improvvisi sprofondamenti. Ciò ovviamente non vuol dire che il bambino possa essere abbandonato a se stesso: soprattutto se si tratta di bimbi davvero piccoli è sempre meglio che in acqua abbiano una compagnia, quando crescono invece un simile fondale può permettere ai genitori di osservarli più “da lontano”. Perfetta in questo senso è senza dubbio Formentera, meta ideale per una vacanza su misura per tutte le necessità.
  3. Presenza costante di un bagnino. I guarda spiaggia sono senza dubbio una sicurezza in più per qualsiasi genitore che potrà contare così sull’aiuto di un esperto per qualsiasi evenienza. Per avere ci però bisogna però rinunciare alle spiagge libere e nascoste, optando invece per lidi attrezzate come quelli che possiamo trovare nelle località più rinomate della Toscana.
  4. Presenza di un’animazione che funga da intrattenimento. Per offrire un servizio completo ai più piccoli e un po’ di relax ai grandi il servizio di animazione è l’ideale: giochi, sport e attività variegate intratterranno al meglio il vostro bimbo, che potrà impegnarsi in attività ludiche e sportive mentre voi vi godete un po’ di tranquillità, consapevoli che il vostro cucciolo è in ottime mani. Per garantirsi una simile opzione l’ideale è rivolgersi ai grandi villaggi vacanze come quelli che si trovano ad esempio nelle più famose località del Mar Rosso.
  5. Presenza di servizi igienici: una doccia per togliere sabbia e sale, un bagno dove rifugiarsi per qualsiasi evenienza, un posto dove potersi cambiare diventano elementi chiave quando si viaggia con un bambino, piccolo essere ricco però di necessità. Ecco allora che avere qualche supporto di questo tipo potrebbe essere un valido aiuto per evitare di doversi poi inerpicare tra vegetazione e asciugamani per cambiare semplicemente un costume. una buona rosa di scelte la offre in questo caso la Campania, ricca di località super attrezzate anche se a prezzi a volte un po’ esosi.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: