ViaggiNews

Tour dell’Irlanda: un itinerario da Dublino in auto

mercoledì, 3 aprile 2013

Un tour tra i luoghi più suggestivi dell’Irlanda \Non si può dire di aver visto il verde senza essere stati in Irlanda. Il cielo capriccioso e le colline lussureggianti, scogliere a picco sul mare e isole da favola, la patria di Oscar Wilde e James Joyce è tutto questo e molto di più. Di sicuro la terra di San Patrizio non è famosa per il clima soleggiato, anzi è sempre bene portarsi dietro impermeabile e ombrello visto che il tempo può sempre cambiare ed ogni nuvola può portare pioggia, ma se ben preparati saprete godervi anche questo piccolo inconveniente. E’ possibile girarla in treno prenotando in anticipo le varie tratte oppure optare per il pullman, ma di sicuro l’alternativa migliore è l’affitto di un’auto per non avere vincoli di orari e potersi godere il tragitto seguendo i propri ritmi.

Di seguito vi proponiamo un itinerario per scoprire questa terra magica e le sue antiche leggende.

Arrivo a Dublino

Vista la continua offerta di voli low cost che collegano le principali città italiane alla capitale, questo è il punto di partenza ideale per qualsiasi tour vogliate intraprendere per scoprire le meraviglia di questo Paese unico. Per la visita della città e consigli utili su dove alloggiare e come godervi la prima pinta di Guinness, vi rimandiamo alle nostre guide cliccando qui.

Dublino – Belfast

Raggiungere la capitale dell’Irlanda del Nord da Dublino è un gioco da ragazzi: se amate i viaggi in treno la Irish Rail offre delle ottime tariffe a chi prenota il biglietto on-line, mentre per risparmiare e godersi il tragitto il bus potete utilizzare i pullman Eireann o gli Aircoach che coprono la tratta in appena 3 ore. Una volta giunti qui, potrete fare un giro per l’importante città industriale visitando la Torre dell’Albert Memorial, la Grand Opera House e la Queen’s University. Imperdibile anche un giro al nuovo centro interattivo Titanic Belfast: uno snodo di 9 gallerie che illustra in modo originale e innovativo la storia del celebre transatlantico, raccontando di come sia stato concepito e progettato a Belfast nei primi anni del ‘900 e di come si giunse poi al tragico epilogo.

Giant Causeway e Derry

Da Belfast partono continuamente bus per la visita della spettacolare costa di Antrim con le sue insolite Giants Causeway: più di 40 mila colonne di basalto di forma esagonale che emergono dal mare creando un effetto suggestivo, tanto che l’Unesco le ha inserite nel Patrimonio dell’Umanità. Dopo aver reso omaggio al Selciato del Gigante i più spericolati potranno provare il proprio fegato attraversando il Ponte di Corda di Carrick-a-Rede, una delle attrazioni turistiche più visitate di tutta l’Irlanda del Nord, che con 20 metri di lunghezza e 30 di altezza collega la terraferma all’isolotto di Carrick. Una meta che offre scorci naturalistici tutti da fotografare.

Se le foto sono la vostra passione, la strada per Derry è ricca di panoramiche spettacolari, vi consigliamo una sosta fotografica alle rovine del Castello di Dunluce, arroccato in cima ad una scogliera in basalto nella parte settentrionale della contea di Antrim.

Una volta arrivati nella “città vergine” di Derry, quella della celebre e triste Bloody Sunday del 1972 ricordata anche nella famosa canzone degli U2, troverete ad aspettarvi splendidi edifici dell’epoca edoardiana e vittoriana. Indispensabile una visita alla bellissima sede del municipio Guildhall su Shipquay Street, al ponte a due piani Craigavon unico in tutta Europa e all’Amelia Earhart – Centre and Wildlife Sanctuary dedicato alla grande aviatrice statunitense.

Donegal e Sligo

Nel cuore delle montagne e delle valli del Donegal sorge il Glenveagh National Park, habitat di numerosi esemplari di aquila reale nonché del più grande branco di cervi rossi dell’Irlanda, un’oasi in cui ricaricare le pile e immergersi nelle bellezze naturali che questo paese ha da offrire. Il Castello annesso e gli splendidi giardini esotici che lo circondano sono una location degna delle più antiche leggende celtiche. Proseguendo verso sud attraverso la contea di Donegal è possibile raggiungere quella di Sligo e l’omonima capitale, anche detta crocevia del Nord. Qui potrete ammirare le alte montagne e le valli lussureggianti, le torbiere, le foreste e i laghi che ispirarono i poemi del grande premio Nobel W.B. Yeats, oltre che far visita al complesso sepolcrale di Carrowmore, uno dei più grandi cimiteri preistorici in Europa e il più antico d’Irlanda.

Connemara e Galway

Una delle regioni più famose dell’isola verde, selvaggia e brulla con le sue coste frastagliate e rocciose e le fattorie caratteristiche con gli immancabili tetti in paglia. In primavera e d’estate vengono organizzati dei tour in bici della zona, e uno dei luoghi più visitati è di sicuro la Kylemore Abbey, una dimora ottocentesca dal fascino senza tempo, immersa in un contesto in cui non sareste sorpresi nel vedere i famigerati folletti e le loro preziose pentole d’oro.

Galway è una deliziosa cittadina sulla costa occidentale del paese, situata nell’omonima baia, è anche la capitale della cultura gaelica. Tagliata in due dal fiume Corrib è meta prediletta dai turisti per il forte richiamo culturale e il centro storico con la cattolica e imponente Cattedrale of Our Lady Assumed into Heaven and St. Nicholas. Per un tramonto da mozzare il fiato, il luogo ideale è il porto con le sue caratteristiche abitazioni affacciate sul mare.

Isole Aran – Inishmore

Prendendo un traghetto da Rossaveal, con una traversata di circa 45 minuti, si arriva alla più grande e popolata delle isole Aran: Inishmore o Inis Mòr in gaelico. Qui potrete godervi l’aria salmastra e una visita ad uno dei siti più antichi del paese, il forte Dun Aengus, costruito più di duemila anni fa sulla costa sud-occidentale dell’isola. Poco distante dal forte c’è il Warmhole, un tratto di scogliera molto particolare, con grotte scavate dalla potenza delle maree atlantiche.

Scogliere di Moher

Continuando lungo al costa ovest, nella Contea di Claire si incontrano le maestose Cliffs of Moher, una delle attrazioni turistiche più importanti di tutta l’Irlanda. Alte 214 metri si estendono per oltre 8 chilometri e donano una visione spettacolare dell’Oceano Atlantico e della baia di Galway. Nelle giornate più limpide l’occhio si perde fino alle distese del Connemara con le sue Twelve Bens, complesso montagnoso di dodici picchi, mentre a sud fa capolino la suggestiva penisola di Loop Head.

Bunratty – Castello e Folkpark

Immerso nel verde intenso e rigoglioso della Contea di Claire si erge un gioiello medievale dal valore inestimabile, un imponente Castello che affaccia sul fiume Ratty. Dalle sue torri è possibile ammirare il corso d’acqua che si tuffa nel vicino estuario dello Shannon, e ai piedi della costruzione un villaggio che sembra essersi cristallizzato in un tempo remoto. Grazie alla Shannon Heritage la zona limitrofa al castello è stata trasformata in un Folk Park in cui è possibile rivivere le tradizioni e le atmosfere della vita rurale di una volta, in un viaggio nel tempo che ci riporta agli usi del diciannovesimo secolo. Botteghe artigianali e vecchi cottage, la scuola e l’ufficio postale si confondono con locali e pub tipici in cui è possibile rifocillarsi e tracannare qualche birra per sentirsi dei veri irlandesi.

Anello di Kerry

Per gli amanti dei paesaggi è immancabile l’escursione nel Ring of Kerry, uno splendido circuito che fa il giro della penisola di Iveragh, in cui è possibile ammirare laghi, montagne viste mozzafiato incorniciate dall’Oceano Atlantico. Le strade pullulano di bus pieni di turisti, quindi è meglio partire presto per evitare la calca.

Poco distante c’è il magnifico Parco Nazionale di Killarney con la Cascata di Torc, un salto di 18 metri che dal piccolo laghetto soprannominato Devil’s Punch Bowl si getta nel Lago Muckross. Qui i giardini della Muckross House sono il luogo ideale per concedersi un po’ di riposo dopo la scalinata che conduce alla cascata.

Cahir

Sulla via di ritorno verso Dublino, dopo aver visto la maggior parte dei siti più importanti di tutto il paese, nella Contea di Tipperary troverete uno dei castelli più grandi d’Irlanda: il Castello di CahirCostruito su un’isolotto del fiume Suir da Conor O’Brien Principe di Thomond nel 1142, questo imponente maniero ha ospitato la dinastia Cahir fino al 1961, anno della morte dell’ultimo lord.

Da qui potrete tornare a Dublino con un bus della Eireann e l’immancabile nostalgia di chi torna a casa dopo aver scoperto i tesori dell’uggiosa Isola di Smeraldo.

 

Silvia Fanasca

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: