ViaggiNews

Trekking: le spiagge più belle da raggiungere a piedi

giovedì, 23 agosto 2012

Getty Images

La top 5 delle migliori spiagge da raggiungere a piedi/Roma – Spesso andare in spiaggia non significa solo rilassarsi all’ombra di qualche albero o dell’ombrellone, godersi l’acqua fresca. Può anche voler dire affrontare il traffico della città per raggiungere la destinazione, arrivare in spiaggia e lottare con altre centinaia di turisti per un posticino in riva al mare e, spesso, essere “travolti” dal caos.

Se questa non è proprio la vostra idea di vacanza riposante c’è una soluzione che unisce veramente l’utile al dilettevole. Con una passeggiata, magari un po’ più lunga ed impervia del normale, potrete raggiungere alcune delle spiagge più belle e isolate dove trascorrere qualche piacevole ora veramente a contatto con la natura.

Secondo una classifica stilata da The Guardian in Europa ci sono moltissime spiagge “nascoste” da raggiungere a piedi. Viagginews ha scelto per voi le migliori cinque!

  1. Spagna. Platja de Sant Lluís, Cap de Creus, Catalogna: Questa spiaggia è veramente nascosta, si riesce a trovare solo intraprendendo una passeggiata prima del bivio che da Cadaqués porta a Cap de Creus. La strada, sassosa, si snoda fra gli uliveti e dopo qualche centinaio di metri, scende bruscamente verso una caletta appartata. La spiaggia di Sant Lluis è sassosa: piccoli ciottoli rotondi ricoprono tutta l’ampiezza della baia. La zona è riparata e il mare, cristallino. Proprio per la sua riservatezza spesso è frequentata da nudisti, ma anche da semplici spagnoli che cercavano un po’ di quiete!Getty Images
  2. Grecia. Nero, Kato Koufonissi. Queste due isole gemelle, Ano e Kato Koufonissi,  sono famoso per le loro acque turchesi trasparenti. Ad Ano Koufonissi si possono trovare tutti gli agi e i comfort necessari ai turisti come ristoranti di pesce, pensioni,  a  Kato Koufonissi non c’è niente: neanche una vera strada, solo un sentieri. Qui ci sono giusto un paio di case, una  taverna e un groviglio di sentieri poco battuti che conducono a una serie di splendide spiagge. Per arrivarci, più che camminare, servono delle barche, come quelle che partono da Ano Koufonissi un paio di volte al giorno. Ci sono due fermate: Taverna e Nero, una baia di spiaggia dorata circondata da palme.
  3. Francia. Plage d’Erbaju, Corsica. Questa spiaggia si trova esattamente a metà strada tra Bonifacio e Sartene, lungo la costa sud-occidentale della Corsica. L’unico modo per arrivare in questa piccola caletta, Plage d’Erbaju appunto, è intraprendendo una passeggiata di 2,5 km da Auberge de Coralli per un piccolo sentiero e poi, correndo si impiegano 15 minuti, ma potete camminare, bisogna scendere lungo un ripido sentiero che costeggia una vecchia torre di controllo genovese.Una volta arrivati a destinazione vedrete che ne sarà valsa la pena: piccole dune di sabbia, protette da una bassa pineta, sono la cornice ideale la splendida vista sulla costa di Startenais.
  4. UK. Formby, Lancashire. Si attraversa un bosco di pini, abitato da tanti piccoli scoiattoli rossi e poi si arriva a Formby, sulla costa Sefton. Qui il profilo costiero cambia in continuazione ed è ideale sia per riposarsi che per

    Getty Images

    passeggiare e dedicarsi un po’ di tempo in silenzio per pensare. Modellato dalla forza del mare che, in alcuni casi, ha persino immortalato delle impronte umane risalenti a migliaia di anni fa, è un vero e proprio luogo magico dove concedersi finalmente del tempo da dedicare a se stessi.

  5. Portogallo. Praia Cabo Mondego, vicino Buarcos, Figueira da Foz. Per raggiungere questa baia dovete, inizialmente, seguire le indicazioni per Cabo Mondego e, dopo circa un km, vi troverete a camminare lungo un sentiero un po’ dissestato, costeggiato da un’alta montagna. La strada prosegue in discesa e, ad ogni curva, potrete ammirare il paesaggio mozzafiato che inizia a delinearsi, come un presagio della bellezza che vi attende  in spiaggia. Una volta arrivati vedrete come l’infrangersi delle onde, il silenzio della baia sia un ottimo premio per la “fatica” impiegata nell’arrivare qui.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: