ViaggiNews

Viaggi studio: dove andare per imparare l’inglese under 18

giovedì, 3 maggio 2012

Bandiere inglese con Big Ben sullo sfondo (GettyImages)

Le migliori mete per le vacanze studio under 18 \ Roma – L’estate è vicina e, se i più grandi pensano già da tempo alle vacanza, forse è giunto il momento anche per chi adulto non lo è ancora di progettare una fuga dalle afose città: del resto sembra oramai lontano il tempo in cui genitori e figli partivano tutti isieme e sempre più si va verso vacanze separate con viaggi tagliati su misura per gli under 18.

Tra questi ultimi possiamo di certo annoverare le sempre più popolari vacanze studio: divertimento e apprendimento unite in un viaggio che nella maggior parte dei casi si trasforma in un’esperienza indimenticabile per i più giovani. L’alternativa sembra dunque di quelle da cogliere al volo ma una domanda sorge spontanea, dove andare? Spesso infatti si tende a circoscrivere un po’ troppo la scelta, limitandosi magari a grandi città come Dublino o Londra e scartando purtroppo le altre opzioni meno conosciute ma anche ricche fonti di grandi opportunità.

Oxford, Cambridge, Bath, Birmingham, Brighton, Bedford: queste sono solo alcune alternative alla blasonata ma anche ultr-cara Londra, città in cui ci sono famosi college ma anche attrattive variegate. Bath ad esempio è famosa per le sue terme, meta spesso per i weekend fuori porta dei londinesi: queste località infattti hanno il pregio di essere sì meno inflazionate e più economiche, ma comunque a brevissima distanza dalle seduzioni della capitale.

Chi poi in una vacanza studio cercasse anche un tocco di arte e storia una buona opzione può essere senza dubbio la Scozia: Edimburgo, capitale de Paese è infatti nota per i suoi castelli, immersi in paesaggi rurali che ospitano alcune tra le migliori scule di lingua dell’area anglosassone.

Coloro che invece protendono per la verde Irlanda ma vorrebbero fare un’esperienza diversa da quella dell’affascinante Dublino ci sono Galway, Kilkenny, Limerick, città davvero incantevoli a cui si affianca il centro universitario di Cork: una vera full imartion nella natura e nella lingua è certo garantita.

Chi però non riuscisse a separare l’estate dal mare può trovare qualche valida opzione nel sud Europa: Malta ad esempio è non solo ricca di scuole di lingua ma offre anche l’opportunità di prendere il sole su spiagge meravigliose e godere di qualche piccolo ma comunque coinvolgente divertimento notturno. Rimanendo poi in tema isolano si può anch valutare l’opzione Cipro, lanciatasi da poco nel mondo delle vacanze studio ma assai promettente.

Se quest ultime due sono senza dubbio le mete più economiche, citiamo in fine quelle più “expensive”: Canada, Australia e Stati Uniti sono davvero il sogno proibito del genere vacanze per aprendere la lingua e, a potersele permettere, garantiscono forse l’esperienza della vita.

Una volta scelta la meta ci vuole però qualche punto di riferimento per strutture di studio e di pernottamento: una buona organizzazione a cui rivolgersi è senza dubbio EF, alias Education First (http://www.ef-italia.it/lt/), gruppo che offre un catalogo ben nutrito tra le cui destinazioni si potrà certo trovare quella più adatta alle proprie esigenze.

In fine, per orientarsi ancora meglio tra le opzioni del caso, c’è l’organizzatisimo portale
ESL – Soggiorni Linguistici (http://www.esl.it/it/viaggi-studio.htm), un sito su cui vagliare mete per grandi e piccini su tutti e cinque i continenti: una scorpacciate di vacanze studio insomma!

Il nostro consiglio è comunque quello di procedere per gradi: una prima esperienza di questo tipo di vacanza è bene infatti orientarla verso loclaità più a misura di persona, piccole cittadine in cui sentirsi a casa e muoversi senza problemi; se poi il viaggio vorrà essere ripetuto è bene variare e allontanarsi sempre più da casa per poter mettere alla prova non solo le proprie capacità linguistiche ma anche la prorpia indipendenza.

Francesca Testa

Tags:

Altri Articoli Interessanti: