ViaggiNews

Liguria: la top 10 delle spiagge

giovedì, 3 maggio 2012

Getty Images

Top Ten: le spiagge più belle della Liguria/Roma  – L’ondata di caldo e temperature estive che sta interessando l’Italia fa venire voglia di mare e costumi da bagno. Si comincia a pensare a dove trascorrere le vacanze e su quali spiagge potersi rilassare per godere a pieno delle proprie ferie e momenti di riposo. Viagginews allora vi propone la top 10 delle spiagge più belle della Liguria: tra colline verdeggianti, porti e baie di pescatori, coralli e fondali trasparenti si può prendere il sole e riposarsi immersi in un paesaggio unico nel suo genere.

  1. Cervo: ciò che stupisce ogni visitatore, oltre al fondale sabbioso che si estende per molti metri, è ciò che sta alle spalle di questo golfo. La Chiesa di San Giovanni Battista – meglio conosciuta come la Chiesa dei Corallini –  domina su questa baia: arroccata in cima al paese è raggiungibile solo a piedi ed è un punto panoramico mozzafiato. La spiaggia di Cervo e di Diano Marina – a poca distanza  – è caratterizzata da una sabbia mista ghiaia chiarissima e da servizi balneari ottimi, ma non  invadenti: chi cerca la quiete e il silenzio può farlo rifugiandosi sugli scogli che si trovano lungo tutta costa
  2. Alassio e Laigueglia: la lingua di sabbia che unisce Alassio con Laigueglia è assolutamente particolare e unica nel suo genere. Soprattutto nella zona di Laigueglia se ci si sdraia lungo la spiaggia  ci si sorprenderà dell’ “intesa” fra mare e città: piazzette, carruggi, e piccole vie da scoprire fanno da sfondo alla spiaggia. Stessa cosa per quanto riguarda Alassio: qui, il cosiddetto “budello” – l’intricato viale principale della città – accoglie le spiagge, libere e attrezzate, come in un abbraccio. Sabbia finissima, in alcune zone creata proprio da conchiglie frantumate, e mare pulito vanno a formare questo arenile di circa 4 km che è adatto a tutti, anche per i bambini, che possono giocare liberamente per via del fondale pulito e basso.
  3. Noli – Baia dei Saraceni: tra Punta Crena e Capo Noli questa spiaggia è composta da piccolissimi sassolini e un mare cristallino impareggiabile. Il fondale basso e sabbioso accompagna tutto il litorale, lungo solo circa 350 metri, me degno di nota e attenzione tra le spiagge del Ponente Ligure. Racchiusa da un piccolo promontorio che protegge i turisti in spiaggia dall’insistente vento di Libeccio che spazza la zona, questa spiaggia è raggiungibile solo tramite un piccolo sentiero che, dall’Aurelia – la strada principale –  arriva fino al mare con una scalinata. Il profilo curvo di questa baia permette di raggiungere, salendo lungo le colline dietro alla spiaggia, l’antica chiesa di San Lorenzo, punto panoramico mozzafiato su tutta la baia.

    Getty Images

  4. Bergeggi: una spiaggia giovane, frequentata da molti surfisti – come a Varigotti – con stabilimenti balneari attrezzatissimi anche per gli aperitivi sul mare e le serate dedicate alla movida e alla musica. Questa è la caratteristica di Bergeggi: non stanca mai. Oltre all’eccellenza nell’intrattenimento per i giovani questa spiaggia è caratteristica per chi ama la natura, le escursioni in barca e la quiete della solitudine: sembra un controsenso, ma di fronte alla spiaggia vi è l’isolotto di Bergeggi, verdeggiante e misterioso. La superficie dell’isolotto è caratterizzata infatti da numerose grotte, pertugi e cavità come la Grotta Marina di Bergeggi, facilmente raggiungibile in barca.
  5. Varigotti: con i suoi 1800 metri, la spiaggia di Varigotti si aggiudica sicuramente un posto nella top ten delle spiagge più belle della Liguria. Come un lungo nastro si srotola lungo tutta la città unendo la zona abitata al mare. Si può scegliere se rilassarsi sulla sabbia fine – a occidente –  oppure su sassolini piccolissimi nei pressi del molo principale della zona – nella parte orientale – . Il fondale è abbastanza ripido e scende rapidamente subito dopo aver superato una zona compatta chiamata “ciapa”; l’acqua è limpida e, soprattutto al tramonto, il contrasto tra l’azzurro del mare, il rosso del sole e i colori caldi delle case di Varigotti, creano uno spettacolo è emozionante.
  6. Camogli: anche qui, come un po’ in tutta la Liguria, l’unione tra centro cittadino e spiaggia sembra essere la cosa più naturale del mondo. La spiaggia di Camogli è di sassi e bisogna adattarsi leggermente agli spazi piccoli: non essendo considerata una meta del turismo di massa questa zona resiste e racchiude in sé tutto il fascino tradizionale delle spiagge genovesi. Il porticciolo, protetto alle spalle dalla ripida costa, è animato da numerose gelaterie e bar, inoltre le barche dei pescatori ormeggiate e le reti da pesca stese al sole ad asciugare contribuiscono a immergere i visitatori nel clima tipico ligure vivendo realmente ciò che il cantautore Fabrizio De Andrè ha raccontato e musicato parlando di questa terra.
  7. Portofino – Spiaggia di Paraggi: rimanendo nelle vicinanze delle Cinque Terre merita una menzione a parte la Spiaggia di Paraggi, vicino a Portofino: piccola, racchiusa dalle colline verdeggianti alle spalle, è una vera e propria “chicca” per chi ama il mare, ma anche la natura e la storia. Qui, infatti, si può anche ammirare un relitto di un’antica nave affondata in queste acque nel 1917. L’acqua della baia è verde turchese, piano piano sfuma nel turchino ed è una delle mete preferite per i sub. I suoi fondali racchiudono infatti delle sorprese preziose come il corallo rosso e numerose varietà di pesci che nuotano indisturbati nei pressi del relitto.

    Getty Images

  8. Cinque Terre – Monterosso: una volta raggiunte le spiagge delle Cinque Terre – generalmente non con poco sforzo data la conformazione arroccata delle zona – ci si accorge immediatamente di come, ogni spiaggia, sia una piccola perla rara della Liguria. Specialmente la spiaggia di Fegina – Monterosso – oltre ad essere facilmente raggiungibile in treno senza dover camminare a lungo, si trova proprio incastonata in un paesaggio che sembra prendere vita da un dipinto. Le case coloratissime alle spalle e l’acqua verde del mare si possono ammirare già percorrendo la passeggiata interna, ma, una volta distesi lungo le spiagge, si gode del panorama migliore. Le strutture balneari della zona sono attrezzate per ogni richiesta e, chioschi e negozi caratteristici, sono dislocati in tutta la zona.
  9. Sestri Levante – Baia delle Favole e Baia del Silenzio: nei nomi è già racchiusa l’unicità di questa zona. Una lingua di terra si estende, come un prolungamento della Liguria, in avanti, verso il mare aperto e azzurro. La zona nasce come semplice borgo di pescatori, ma racchiude uno degli scorci più belli e unici di tutta la Liguria. La Baia del Silenzio e la Baia delle Favole si trovano ai due lati di questa penisola naturale che affascinò persino lo scrittore H.C. Andersen e che, con le numerose scogliere, affiancate da promontori verdeggianti e le spiagge ampie e arenose creano uno dei paesaggi più tipici della Liguria. Le acque sono trasparenti e, le case color pastello alle spalle delle due baie, si riflettono nel mare creando dei riflessi unici.
  10. Lerici – Spiaggia eco del Mare: il paesaggio di Lerici è unico con la sua vista affascinante sul Golfo dei Poeti, Portovenere, l’isola Palmaria, il castello di Lerici e le colline di ulivi verdeggianti alle spalle. Un unicum nel suo genere, una sorta di vetrina sulle bellezze del Levante. Si può scegliere se riposarsi lungo la spiaggia oppure sui grandi scogli piani vicino a San Terenzo nei pressi del porto. Il fondale in tutte queste zone è molto sabbioso e, prima di “non toccare più”, bisogna allontanarsi molto dalla costa.

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: