ViaggiNews

Messico: guida pratica, cosa fare, dove e quando andare, informazioni utili

martedì, 17 gennaio 2012

Una spiaggia del Messico

Una spiaggia del Messico

Messico: cosa fare, dove andare, quando andare, informazioni pratiche/Roma-Tra i paesi più estesi e variegati del mondo, il Messico stupisce di continuo ogni visitatore grazie ad una ricchezza culturale e paesaggistica assolutamente unica. Si tratta di un territorio vulcanico, che vanta più di 10.000 km di costa e conta inoltre svariati gruppi di popolazioni, con usi e costumi differenti. La storia del Messico è infatti un valore aggiunto alle già numerose attrattive del territorio: le rovine Maya, Atzeche e di tutte le popolazioni pre-colombiane testimoniano un passato pieno di mistero che non può che affascinare tutti i turisti che si trovano nel paese. Viagginews.com ha creato per voi una guida su dove andare, cosa fare e cosa vedere in Messico.

COSA FARE E DOVE ANDARE IN MESSICO

Le tipologie di vacanze che si possono fare in Messico sono essenzialmente tre: avventurose, riposanti o culturali. In realtà, la distinzione tra l’una e l’altra categoria, è assai labile: non c’è luogo culturalmente interessante e di grande valore storico che non comporti un pizzico di avventura; allo stesso tempo i luoghi più riposanti sono spesso circondati da scenari naturalistici imperdibili dove si trovano siti di elevato interesse storico artistico.

-Avventura: Chi è in cerca di una vacanza all’insegna dell’avventura può puntare sui principali siti archeologici del paese: Chichen Itza, Palenque, Uxmal, Tulum e Cobà. Tra questi, quello che lascia a bocca aperta è Chichen Itza, l’antica città maya dove si trova la famosa Piramide di Kukulkan, dalla cui sommità si ammirano il Tempio dei Guerrieri e il Caracol, l’antico osservatorio da cui veniva scritto il calendario maya. Per gli amanti delle atmosfere tropicali, la meta perfetta è invece Palenque: i suoi interessanti reperti, tra cui il Tempio delle Iscrizioni e il Gran Palazzo, sono immerse in una foresta fittissima, tipica della regione in cui si trova, il Chiapas.

Spiagge e relax – Chi pensa che le ferie siano sinonimo di relax può puntare su Acapulco che, già nel nome, racchiude tutto l’immaginario comune della vacanza in spiaggia fra feste e tramonti mozzafiato sulla costa pacifica. È una città in crescita che si sta trasformando in una metropoli a tutti gli effetti. Altra meta top per chi ama la natura è Puerto Vallarta, connubio tra sport acquatici, immersioni e gite alla scoperta della foresta e dei parchi dell’entroterra. A Baja California invece oltre al relax, alle scogliere e alle immense spiagge bianche, si può sentire, stagionalmente, un canto particolare: quello delle balene che visitano spesso questi fondali. Da non perdere poi quella che viene considerata una delle spiagge più belle del mondo. ossia Playa del Carmen o l’incredibile Hidden Beach.

Cultura: Chi vuole scoprire il Messico con una vacanza all’insegna della cultura può visitare, oltre ai numerosi siti archeologici, le principali città del paese. Città del Messico, la capitale, è la seconda città più popolosa al mondo e provoca, per la sua frenesia, sentimenti di amore o odio in chi la visita. Lo Zocalo è la piazza simbolo della città, e rappresenta il punto di partenza perfetto per visitare la Catedral Metropolitana (costruita su un antico edificio religioso azteco), il Templo Mayor, i murales di Diego Rivera e il ricchissimo museo di antropologia, dove scoprire la storia antica e recente del paese. Chi preferisce atmosfere più festaiole può recarsi a Cancun, la città principale dello Yucatan nonché la più turistica di tutto il Messico; si tratta del luogo ideale per alternare shopping cittadino, lunghe nuotate nell’oceano e pause relax nei mega resort all-inclusive. Per apprezzare lo spirito più autentico del paese, vale infine la pena fare una tappa a Oaxaca; conosciuta soprattutto per la lavorazione dell’argento, ha un centro storico divenuto parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco e gode di un’atmosfera leggere, fresca e cosmopolita, che si trova in contrasto con l’aridità del paesaggio in cui è collocata.

 

QUANDO e COME ANDARE E DOVE ALLOGGIARE IN MESSICO

Il clima del Messico è mutevole come il paesaggio e cambia a seconda della zona visitata e del periodo. L’entroterra è generalmente più secco, mentre l’umidità si fa sentire sulla costa. La stagione delle piogge va da maggio a ottobre, in corrispondenza dell’estate italiane, e le visite sono sconsigliate per via del caldo umido eccessivo. I mesi migliori per visitare il paese vanno da ottobre a maggio, con un picco nel periodo pre-pasquale: le temperature non sono troppo fredde e il clima è asciutto.

 

DOVE ALLOGGIARE?

Vasto è il territorio e altrettanto vaste sono le possibilità offerte per l’alloggio. Resort e hotel all inclusive, semplici pensioni, appartamenti in affitto lungo la costa o nella città…le opzioni sono molte e malleabili a seconda delle esigenze dei turisti e delle tipologie di vacanze scelte. Gli hotel vanno da 1 stella a 5 e, oltre alle strutture locali, si può alloggiare anche nelle più grandi catene alberghiere mondiali. In alternativa, è possibile soggiornare nelle pensioni presenti un po’ ovunque in tutto il paese.

COME ANDARE? L’ORGANIZZAZIONE DEL VIAGGIO

L’aeroporto principale del paese è il Benito Juarez di Città del Messico, tuttavia alcuni voli transoceanici possono atterrare anche a Cancun e a Mérida. Non esistono voli diretti tra Italia e Messico, ma con pochi scali e, circa 18 ore di volo, si raggiunge la propria meta di destinazione.Per quanto riguarda le compagnie aeree, si può viaggiare con Alitalia, Lufthansa, Iberia, Air France e British Airways; i prezzi non sono certo economici, attorno ai 2000 euro, ma con un po’ di fortuna e molto anticipo si possono trovare offerte anche a 300 euro.

 

INFORMAZIONI PRATICHE

La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma l’inglese è molto conosciuto ed utilizzato. Nei luoghi più turistici non è difficile trovare persone che parlano l’italiano.

La valuta è il “peso” (1 peso=

Il visto non è necessario ed è sufficiente il passaporto.

I rischi per la salute sono minimi: il livello degli ospedali è buono e le accortezze da rispettare sono quelle di chiunque si trovi all’estero (per esempio, bisogna fare attenzione all’acqua, solitamente non è potabile ed è consigliabile il consumo solo da bottiglie sigillate). Per quanto riguarda le vaccinazioni, quelle consigliate sono: epatite A e B, salmonella, morbillo.

Il fuso orario è di 6 ore indietro rispetto al meridiano di Greenwich.

 

 

Selena Marvaldi

 

 


Tags:

Altri Articoli Interessanti: