ViaggiNews

Budapest: guida completa alla perla del Danubio

mercoledì, 7 dicembre 2011

Budapest:guida, cosa fare, cosa vedere, dormire, mangiare/Roma-Dalle acque del Danubio emerge una bellissima ed elegante perla, Budapest. I tre quartieri principali Obuda e Buda sulla riva occidentale e Pest, su quella orientale sono collegati da antichi ponti e proprio la presenza costante dell’acqua ha reso famosa Budapest come la regina del Danubio. Ma non è solo questo l’appellativo riservato all’affascinante città. Grazie alle sue centoquarantacinque fonti di acqua termale, Budapest è da molti conosciuta come la città delle terme mentre per i meravigliosi boulevard, le opere di Eiffel e i palazzi Art Nouveau è definita anche la Parigi dell’est. Se questi motivi non sono sufficienti per organizzare un weekend nella capitale ungherese, si può aggiungere che la città ha un passato davvero affascinante, che è testimoniato dall’incredibile varietà architettonica dei suoi quartieri: Obuda rievoca il suo passato romano, Budà racchiude tutto il suo splendore rinascimentale e barocco, Pest è il suo cuore commerciale e industriale. Ecco una guida alla città:

Cosa vedere:

La visita di Budapest può sicuramente iniziare dal Palazzo reale (clicca qui); situato sulla collina di Buda, si presenta come un imponente edificio barocco e, dopo essere stato per secoli residenza reale, è oggi sede di prestigiose istituzioni come la Galleria Nazionale Ungherese, il Museo Storico e il Museo di Arte Contemporanea. Su una striscia di terra tra le acque del Danubio e la fortezza del Palazzo Reale è situata la Chiesa barocca di S. Anna, che custodisce al suo interno uno dei più antichi organi Ungheresi. Nelle sue vicinanze è possibile trovare anche i bagni termali di Kiràly. Sulla sommità del monte Gellért, vale la pena fare visita alla cittadella (clicca qui), una fortezza costruita dagli austriaci verso la prima metà del 1800 nonché uno dei punti più panoramici della città. Poco distante, il Parco delle Statue (clicca qui) rappresenta il luogo migliore dove poter conoscere il passato comunista di Budapest camminando tra le effigi di Lenin, Stalin e Marx.

Pest: L’edificio più conosciuto del quartiere di Pest è il Parlamento (clicca qui). Rimaneggiato in diverse epoche storiche, dall’esterno appare come un edificio neogotico e colpisce i visitatori soprattutto per la facciata, dove sono raffigurate i monarchi ungheresi da Stefano I a Leopoldo II. Nei pressi del Parlamento si trova Piazza della Libertà, celebre soprattutto per la presenza dell’Ex Cassa di Risparmio Postale, uno splendido palazzo art-nouveau riconoscibile per l’ingresso policromo e la maestosa scalinata. Inoltre, nella stessa zona si può visitare il Teatro Nazionale dell’Opera che, costruito alla fine dell’800 in stile neo-rinascimentale, è sontuosamente decorato da stucchi oro e da numerosi affreschi mitologici. La più grande sinagoga attiva in Europa si trova proprio a Budapest nel vicino quartiere ebraico; oltre al cimitero, ospita un museo sull’olocausto, il modo migliore per conoscere questo triste capitolo della storia della città (clicca qui). Tra i musei, si consiglia di esplorare il Museo Nazionale Ungherese (clicca qui) che, ospitato in un palazzo che ricorda il Partenone di Atene, possiede una collezione di oggetti che permettono di scoprire la storia dell’Ungheria. Prima di lasciare Pest, vale la pena visitare il Duomo di Santo Stefano; la facciata e i decori simboleggiano la travagliata storia della città, inoltre qui sono esposte le reliquie di S. Stefano, il primo re Ungherese

 

Obuda: Obuda custodisce il cuore romano della città e qui si possono visitare Aquincum, i cui resti risalgono addirittura al I secolo dC e i bagni termali. Oltre a passeggiare tra gli scavi, si possono ammirare nell’omonimo museo oggetti di epoca romana (clicca qui). Le terme fondate dai romani non hanno smesso di essere un’attrattiva e un centro di relax ancora oggi.

Tra le due sponde del Danubio vi sono numerose isole, ma oggi sicuramente la più turistica è quella di Margherita (clicca qui). Abitata fin dall’epoca romana, deve il suo nome alla figlia del re Bela IV, che si trattenne sull’isola nel convento delle Domenicane. Un tempo divisa in tre isolotti, unificata nel 1800, oggi è considerata una meta per rilassarsi tra parchi, giardino giapponese e un complesso di piscine all’aperto e terme.

Come muoversi:

L’aeroporto di Budapest si trova a 24km dal centro della città. Per raggiungere l’aeroporto o viceversa è possibile usare gli autobus di linea (collegano l’aeroporto con il capolinea della metropolitana ‘Kobanyakispest’-clicca qui), i minibus (direttamente con il centro- clicca qui) e i taxi.

Muoversi in città è piuttosto semplice grazie alle dimensioni piuttosto ridotte e alla presenza di un’ottima rete di mezzi pubblici. La metropolitana assicura una copertura della città mediante tre linee (M1 gialla, M2 rossa , M3 blu), che si intersecano a Déak Tér. Aperta dalle 4.30 alle 23.30, i trenini hanno una frequenza tra 2 e 15 minuti (qui le info, qui la cartina). Quanto ai bus, il servizio funziona dalle 4.00 alle 23.00 e dalle 23.30 alle 4.30 (clicca qui per orari e info).

Tessere sconto: La Budapest Card permette di utilizzare illimitatamente i mezzi di trasporto per 2 (13 euro) o 3 giorni (16 euro) e di entrare gratis in circa sessanta musei. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

Mangiare:

La cucina Ungherese è molto speziata: il pepe e la paprica sono ingredienti molto utilizzati. Piatti tipici sono il porkolt ( spezzatino di carne soffritto con cipolla e strutto e condito con peperonI), il Gulyas ( una minestra che unisce carne, pasta e verdure), il Korozott (ricottina con cipolline e spezie) e il pollo alla paprika. Tra gli altri prodotti tipici, vanno assaggiati gli insaccati di maiale, il patè di fegato d’oca. Per assaggiare queste delicatezze, tre indirizzi sicuri sono Fatmo’s (clicca qui), Gundel (clicca qui), Sir Lancelot (clicca qui).Durante il pomeriggio, gli abitanti di Budapest usano passare le ore in uno dei graziosissimi caffè della città, dove assaggiare deliziosi struedel, crepe alla gundel e dolci a base di castagne. Questi locali si trovano principalmente nella zona del Quartiere della fortezza, in via Vàci, a fianco del teatro dell’Opera, lungo il viale Andràssy, vicino il Parlamento (per informazioni clicca qui).

 

Dormire:

Budapest offre una vasta gamma di possibilità per il pernottamento. La disponibilità varia tra hotel di lusso, boutique hotel fino a pensioni economiche ma pur sempre pulite e confortevoli, molte delle quali dotate di terme. In base alla categoria si segnalano: Hotel Hilton Budapest (superlusso, con vista sul Danubio- clicca qui), Conference Hotel Helia (dotato di terme, clicca qui), City Panziò Màtyàs (economico, camere di charme, clicca qui) e Gizella Panziò (fuori dal centro in una location di grande suggestione, clicca qui).

 

Divertimento:

Di sera Budapest si anima con un’intensa vita notturna ed è facile fare le ore piccole senza accorgersene sia per i più giovani che i meno giovani. La varietà di luoghi e attrattive notturne soddisfa tutti i gusti: teatri, cinema, bar all’aperto, vinerie, discoteche. Le zone più frequentate sono quella intorno alla piazza Liszt Ferenc con caffè e bar all’aperto e la Raday Utca, rinominata di recente Soho di Budapest. Molti locali si trovano anche nella zona della Basilica di S. Stefano, di Baross Utca, e nel quartiere ebraico. Inoltre un vero must per i giovani in questi ultimi anni sono i “pub in rovina” allestiti nei cortili delle vecchie fabbriche abbandonate, dove bere e ascoltare musica. Infine, una delle attrazioni notturne più popolari a Budapest sono le terme, dove vengono organizzati party notturni, soprattutto nei weekend, quando l’orario di apertura si estende fino alle 4 del mattino.

 

 

-per scoprire i MERCATINI e gli EVENTI di NATALE a Budapest clicca qui

 

Maurizia Marcoaldi

Tags:

Altri Articoli Interessanti: