ViaggiNews

Idee di Viaggio| Settembre, Sicilia coast to coast per motociclisti e non solo

martedì, 6 settembre 2011

Costa siciliana, foto dal web

SICILIA IN SETTEMBRE: ITINERARIO COAST TO COAST PER MOTOCICLISTI E NON SOLO/Roma– Anche se le previsioni meteo per quest’inizio di settimana non sono state proprio invitanti per chi ama viaggiare in moto, sembra che quelle previste per i prossimi giorni permettano ancora di prendere in considerazione un run prima di tornare alla scrivania dell’ufficio. Il bel tempo infatti rende il sud italia in questo periodo un ottimo territorio da esplorare in sella alle due ruote, grazie a temperature non più da Mar Rosso che permettono di indossare il casco senza il pericolo di fare una sauna sgradita, dando al contempo comunque la possibilità di fare un bagno rigenerante in acque cristalline ad ogni sosta, se si sceglie la via delle più belle strade costiere italiane, nonchè di imbattersi in esperienze enogastronomiche tipiche (per conoscere le sagre in Sicilia nel mese di settembre, clicca quì) che gli Stati Uniti veramente si sognano. Da sempre gettonatissima per il turismo balneare e culturale, la Sicilia ad esempio rappresenta anche, grazie al suo territorio, mix perfetto di mare, montagna, storia, cultura ed enogastronomia, un luogo ideale da scoprire in sella alla propria moto. Quello che, a prima vista, può apparire come un surrogato nostrano del classico coast-to-coast americano, viaggio che tutti i motociclisti sognano di fare almeno una volta nella vita, un bel “run” alla scoperta delle nostre regioni, della Trinacria in questo caso, può offrire paesaggi egualmente belli ma anche una quantità incredibile di siti naturalisticamente e culturalmente rilevanti che la Route 66 può soltanto sognare, concentrati per di più in un’estensione territoriale a misura d’uomo, o meglio di moto, che rende sicuramente meno faticosa e quindi più godibile l’avventura.

Itinerari: Forse mai come in questo caso, un itinerario prestabilito non andrebbe preso in considerazione. Purché vengano incluse le località d’interesse per eccellenza, come Agrigento e la Valle dei Templi o Taormina, Segesta, Erice ma anche la stessa Palermo e le città storiche tutte, praticamente tutte le strade dell’isola valgono la pena di essere percorse. In ragione poi di distanze tutto sommato ridotte, che nulla hanno a che vedere con le distanze statunitensi (tutto l’entroterra siciliano potrebbe risultare meno faticoso da percorrere rispetto, per dire, al run dei grandi laghi del Canada, run giudicato dai biker americani “di tutto riposo”) anche l’esplorare via via i territori limitrofi alle maggiori città, presso le quali magari si sceglie di pernottare, la scelta delle strade da fare e dei luoghi da visitare risulta talmente ampia da non poter essere riassunta in poche righe. Sicuramente, la scelta migliore è quella di seguire la via costiera, concedendosi diverse e frequenti deviazioni verso l’interno, partendo da Messina e procedendo poi alla volta di Palermo, S. Vito Lo Capo ed Erice sulla costa tirrenica per poi scendere verso sud lungo la costa incontrando Mazzara Del Vallo, Sciacca, Licata e Pachino ed infine risalire verso Siracusa e Catania tornando al punto di partenza.

Formule di viaggio: Ampia e per tutti i gusti l’offerta di viaggi ed itinerari organizzati da percorrere “in carovana” i quali, come valido per quasi tutti i run motociclistici, vanno dalla cartina, tenda e zainetto dei novelli Peter Fonda al viaggio completamente organizzato con itinerario e pernottamenti prestabili, tabelle di marcia, assistenza tecnica e mezzo per trasporto bagagli al seguito offerto dalle molte agenzie che organizzano pacchetti per motociclisti. Naturalmente, l’avventura e lo spirito selvaggio richiesto scemano all’aumentare del livello organizzativo. I costi, invece, generalmente si assomigliano anche se nel primo caso non si conoscono prima del termine mentre nel secondo si sanno, e si pagano, prima della partenza. Sta a voi, naturalmente, scegliere la formula che più vi aggrada.

Precauzioni: Bastano quelle basilari per ogni viaggio in moto, polizza assicurativa che comprenda assistenza tecnica e recupero del mezzo, una buona revisione dello stesso ed un minimo di attrezzi utili a far fronte ai piccoli inconvenienti (foratura, candele da cambiare, filo gas rotto ecc…), comunque generalmente comprese dalle agenzie nei pacchetti organizzati. Per i solitari, saggio è tener d’occhio il livello del carburante soprattutto quando ci si inoltra nell’entroterra, dove i distributori non son poi così diffusi. In ogni caso, vi aspettano almeno 1500 chilometri di costa, per cui soprattutto è fondamentale non dimenticare… Glutei molto consistenti. Se non disponete di quest’ultimo, fondamentale accessorio, meglio optare magari per le spiagge bianche del Salento o per i resort a cinque stelle e una vacanza all’insegna del relax a Marsa Alam, e lasciar fare i biker a chi biker lo è davvero.

Andrea Mariani

Tags:

Altri Articoli Interessanti: