ViaggiNews

News | Mezzi pubblici a Milano, biglietto più caro

giovedì, 1 settembre 2011

 

AUMENTO DEL PREZZO DEL BIGLIETTO PER I MEZZI PUBBLICI DI MILANO, ORA IL COSTO è DI 1,50 EURO \Roma – L’autunno che si sta lentamente delineando sembra presagire un forte aumento sul costo generale della vita, con rincari sulle bollette, sulla benzina e su generi di prima necessità. Da oggi, 1 settembre 2011, i residenti della città di Milano dovranno fare i conti anche con un altro aumento: quello del biglietto per i mezzi pubblici.

è infatti entrato in vigore in dato odierna il nuovo prezzo dei biglietti ATM che non costeranno più 1euro ma bensì 1,50 euro. L‘aumento del 50% va di pari passa anche con l‘innalzamento delle multe che verranno effettuate a chi viaggia sul trasporto pubblico cittadino senza essere provvisto di ticket di viaggio. La sanzione non sarà più di 100 euro ma, di 150 euro.

Chi ha fatto scorta dei biglietti non più validi può tirare comunque un sospiro di sollievo in quanto questi potranno essere utilizzati entro il 30 settembre e se dovessero avanzare ancora basterà rivolgersi agli ATM Point per la loro sostituzione con i nuovi biglietti, previo il pagamento della differenza di importo secondo il prezzo valido di1.50 euro per ciascun biglietto.

Un bel rincaro per chi utilizza quotidianamente i mezzi pubblici e che ha sollevato non poche lamentele da parte dei milanesi che ora corrono ai ripari cercando iniziative più o meno valide per gravare di meno sulle finanze quotidiane. Una delle iniziative che sembra attirare molto l’attenzione dei viaggiatori è il Ticket crossing: i biglietti usati ma non ancora scaduti, dovrebbero essere lasciati in apposite cassette in modo tale da permettere ad altri viaggiatori di sfruttare i minuti rimanenti (in totale il biglietto dura 90 minuti) del ticket pagato in precedenza dal primo utilizzatore. L’idea era già stata proposta dalla lega Nord locale ma, solo ora dopo l’annuncio dell’aumento del prezzo del biglietto sta prendendo forma tra i passeggeri dei mezzi pubblici.

L’iniziativa non farà certo piacere all’ATM milanese ma, in tempi di crisi e restritezze economiche potrebbe prendere facilmente piede.

Federica Fralassi

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: