ViaggiNews

Destinazioni | Ugento in settembre, nel Salento tra natura, storia e cultura

lunedì, 29 agosto 2011

Spiaggia di Ugento, Foto dal web

VACANZE A SETTEMBRE: UGENTO, NEL SALENTO TRA NATURA, STORIA E CULTURA

 

Ugento, esempio nel Salento di arte, natura e cultura a due passi da un litorale affascinante come quello ionico compreso tra Torre S. Giovanni e Lido Marini, caratterizzato nella parte nord da lunghe distese di spiagge bianche, scogli e piccole isolette affioranti dal mare, rappresenta un’ottima soluzione per chi ha deciso di concedersi le ferie estive in settembre, restando in Italia. Il clima particolarmente caldo, quasi da costa africana che caratterizza la zona nei mesi di luglio ed agosto, è stupendo per chi vi è avvezzo ma particolarmente inclemente con chi soffre il solleone, tanto che da queste parti la “siesta” in casa o all’ombra dalle 13 alle 17 e quasi un’istituzione. A settembre in Puglia l’aria diventa piacevolmente mite ma ugualmente bella al pari delle mete più rinomate, ad esempio, del Mar Rosso, permettendo così a chi vuol nutrirsi non solo di mare ma anche di natura, storia e cultura un soggiorno interessante senza l’incombenza dei quaranta gradi all’ombra. Incombenza sopportabile agevolmente sotto l’ombra della pineta imperante in tutta la fascia paralitoranea, ma antipatica compagna nelle passeggiate lungo i borghi della città vecchia o tra le rovine di antichi porti come quello romano di Torre S. Giovanni.

Negli ultimi anni, Ugento e dintorni hanno sviluppato una fitta rete di strutture ricettive, alberghi, villaggi e B&B che rendono comodo il soggiorno proponendo offerte adatte a tutti i budget, senza contare la grande quantità di case private in affitto, generalmente a buon mercato in bassa stagione, tutti comodamente rintracciabili e prenotabili via web. Questo, anche grazie all’inserimento di Ugento e del suo litorale nel progetto del Parco Litorale, istituito per salvaguardare la flora rigogliosa e le numerose ed affascinanti specie di fauna presenti nella zona tra cui aironi, pellicani, cormorani e cigni, occasione ghiotta da cogliere per tutti gli amanti del birdwatching.

Per chi ha sete di cultura, l’entroterra di Ugento invece custodisce un patrimonio architettonico di prim’ordine, con chiese stupende come Santa Maria del Casale, la Cattedrale e la Cripta del Crocifisso, mentre da visitare sicuramente è il Museo Civico di Archeologia e Paleontologia, dove Ugento rende omaggio alle sue origini e all’antico culto del Dio Zeus.

Procedendo verso sud, dalle parti di Torre Mozza, il litorale si fa via via più selvaggio e la macchia mediterranea, sempre rigogliosa da queste parti, offre paesaggi che ricordano molto la Sardegna e rimandano ad epoche lontane. La marina di Torre Mozza, che deve il suo nome dalle rovine dell’antica Torre Fiumicelli, semiabbattuta da un fulmine nel ‘500, è caratterizzata da bacini salmastri e da un mare limpido color smeraldo intenso, riflesso egregiamente dal fondo basso e sabbioso della costa.

L’intera zona, malgrado la presenza di strutture e servizi adeguati, ancora non è invasa da un turismo intensivo di massa, e questo è da considerarsi ottimo per chi è alla ricerca di una vacanza che comprenda una buona dose di relax, mentre per gli amanti della pesca e del turismo più “organizzato” è preferibile scendere un po’ più a sud, verso Lido Marini, che con il suo arenile di oltre seicento metri offre tutti i confort delle spiagge adriatiche abbinati alla proverbiale bellezza del litorale ionico. Se non si hanno le idee ben chiare, un’ottima bussola per orientarsi è rappresentata dalle Pro Loco, molto attive da queste parti, che oltre a fornire informazioni e consigli utili organizzano spesso iniziative interessanti volte a far conoscere ai turisti tradizioni e costumi del luogo, generalmente gratuite. Un consiglio pratico: se preferite la libertà di una casa in affitto alla comodità di un albergo o alla vitalità di un villaggio, spulciate a fondo i molti annunci presenti su siti come Subito.it e simili, anche se vi trovate alle prese con tempistiche da last second. Contattando infatti direttamente i proprietari, quasi sempre residenti in loco, è facile trovare sistemazioni tramite conoscenze e passaparola anche a pochi giorni dalla partenza, sia se la proposta in annuncio e già stata affittata o se il prezzo proposto non va incontro alle vostre esigenze.

Andrea Mariani

Tags:

Altri Articoli Interessanti: