ViaggiNews

Guida di viaggio | Isola d’Elba: tantissima bellezza in pochissimo spazio

domenica, 10 luglio 2011

MARE, DIVERTIMENTO E RELAX ALL’ISOLA D’ELBA, META PERFETTA PER TURISTI DI OGNI GENERE E OGNI ETA’ \ ROMA – Nella botte piccola c’è il vino buono: così dicevano i nostri nonni e, come spesso accade, la saggezza popolare ha ancora una volta ragione. La botte piccola in questo caso è un’isola, immersa nel verde e circondata dal blu cristallino del mare. Il suo nome? l’Elba. Quest’isola, con i suoi appena 223 km² di superficie, è una vera e propria perla che fronteggia la costa Toscana: le pittoresche località in riva al mare fanno da punto di riferimento per le numerose spiagge che puntellano la costa e che vanno dalla sabbia finissima alle rocce levigate dal vento. Insomma su quest’isola ce ne è per tutti i gusti.

 

Le spiagge

Le sue ridotte dimensioni sono un vantaggio per il turista, che potrà girarla con comodità pur avendo sempre un’ampia scelta di luoghi da visitare. La varietà e abbondanza sono infatti i punti in più di quest’isola: proprio per tale motivo è impossibile elencare ogni singola caletta della costa, si possono comunque indicare quantomeno le più celebri e affascinati.

  • Cavoli: spiaggia di sabbia esposta a sud e quindi fruibile già dalla primavera. E’ un luogo molto amato dai più giovani che ne fanno un loro ritrovo.
  • Marina di Campo: è la spiaggia dell’omonimo paese che però in realtà grazie alle sue grandi dimensioni (la più ampia dell’isola) prosegue molto fuori da questo; ben servita è sicuramente l’ideale per chi ha bambini
  • Fetovaia: oltre ad essere una delle poche spiagge con sabbia fine è molto apprezzata per il suo contorno verde, davvero rilassante e affascinante
  • Seccheto: spiaggia di candida ghiaia, meno frequentata delle altre ma comunque bellissima con acque rese cristalline dal fondale in ciottoli
  • Forno: spiaggia dell’omonima località con fondali cristallini e sabbia finisssima; la sua particolarità è proprio nell’avere come sfondo l’affascinante borgo
  • Le Ghiaie: il nome deriva proprio dai ciottoli che formano questa spiaggia sempre molto affollata anche perchè fornita di ombrelloni e sdraio

Questo sono comunque solo alcune indicazioni: il modo migliore per vivere il mare dell’Elba è infatti munirsi di cartina e esplorare quanto più possibile la costa. Ognuno troverà allora la sua spiaggia favorita, quella che si ergerà  simbolo di questa indimenticabile vacanza.

 

Le località

Isola d’Elba non significa comunque solo mare. Infatti numeerosi e pittoreschi borghi punteggiano la sua superfice e funzionano da luoghi di svago diurno e serale per i turisti. I comuni sono in totale otto ma alcuni si presentano esclusivamente come zone residenziali,quindi poco interessanti per i visitatori per i quali sarà meglio concentrarsi su zone più vivaci:

  • Portoferraio: è la cittadina più popolosa e ampia dell’isola ma forse anche la meno affascinate; comunque si tratta di un luogo di passaggio obbligato poichè è qui che approdano i traghetti dalla costa toscana
  • Marciana Marina: questo borgo medievale si apre con  l’antica Torre degli Appiani che alcuni ritengono d’origine pisana mentre il centro ruota attorno alla Chiesa di Santa Chiara, simbolo dell’antico fascino di questo luogo
  • Porto Azzurro: paese vivace e accogliente la cui bellezza rivela origine spagnole; sicuramente affascina il promontorio che fa da sfondo al borgo
  • Campo nell’Elba: data la presenza di numerose strutture alberghiere è certamente il centro di più grande richiamo per il turismo che ha oramai soppiantato l’antica vocazione marinaresca

 

Vita notturna

Le notti dell’isola non sono certo super mondane ma offrono comunque valide alternative per il divertimento.

Se amate serate tranquille all’insegna di un bicchiere tra amici potete optare per Marina di Campo, sicuramente la zona più vivace dell’isola anche al calare del sole.

Le discoteche invece non sono molte: Il Tinello, Il Decò e la Discoteca 64 sono i tre locali più frequentati e tutti si dividono in una zona all’aperto e una al chiuso, per un divertimento anche sotto le stelle.

 

Come spostarsi

Sicuramente il modo migliore per spostarsi è la macchina che ognuno può tranquillamente portare sull‘isola grazie ai traghetti di collegamento. Se però la ricerca del relax implica far almeno della propria auto, il turista potrà contare su efficienti mezzi di trasporto pubblico e servizi taxi: i primi collegano molto bene tutte le località della costa mentre i secondi hanno costi non sempre accessibili ma sono indispensabili per muoversi durante le notti dell’isola.

Francesca Testa

Tags:

Altri Articoli Interessanti: