ViaggiNews

Guida Ponza: come arrivare e cosa vedere

martedì, 3 maggio 2011

PONZA, LUNGO PONTE DEL DUE GIUGNO AL MARE \ ROMA – Questo 2011 ha portato con sé una collocazione delle festività in giorni davvero infausti: pochi ponti durante l’anno (un esempio tra tutti il primo Maggio di Domenica) e quindi poche occasioni di concedersi qualche giorno fuoriporta. Unica eccezione a questa triste situazione è il 2 Giugno, che si e andato a collocare di giovedì: si prospetta allora la rivincita di tutti quei lavoratori frustrati dal tiro mancino del calendario che potranno adesso concedersi ben 4 giorni di sospirata vacanza. Trattandosi di Giugno scegliere come meta una località di mare sembra quasi d’obbligo: ovviamente deve essere un luogo visitabile in poco tempo, quindi dalle dimensioni ridotte e di facile accesso. Questa sembra proprio la descrizione dell’isola di Ponza.

Questa perla del Mar Tirreno è una delle piccole isole che vanno a comporre l’Arcipelago Pontino. La chiave del successo che quest’isola da sempre riscuote tra i turisti è la straordinaria combinazione tra bellezze naturali e facilità di accesso.

Per approdare a Ponza infatti è sufficiente prendere uno dei numerosi traghetti o aliscafi che salpano da Anzio, Formia, Napoli o Terracina: il servizio è particolarmente intenso, soprattutto durante il congestionato periodo estivo, e i prezzi per la breve tratta sono mediamente accessibili (ovviamente il costo è più esoso se si sceglie la velocità dell’aliscafo).

Una volta approdati sull’isola le mete per possibili escursioni sono davvero numerose: Ponza è una vera e propria concentrazione di bellezze marittime e ciò consente di fare ogni giorno una nuova affascinante esperienza. Ci sono comunque tappe irrinunciabili, consacrate dalla fama accumulata con merito negli anni:

  • Chiaia di Luna: la più celebre spiaggia dell’isola è una grande baia con alle spalle un’accecante parete di tufo bianchissimo. Per anni questo luogo incantato, a cui si può accedere solo via mare, è stato chiuso per il rischio di frane ma dall’estate 2010 i bagnanti possono nuovamente goderselo in totale sicurezza
  • Spiaggia del Frontone: è sicuramente la più frequentata (quindi anche affollata) in virtù dei collegamenti intensi che partono dal porto principale e, per pochi euro, conducono direttamente sulla spiaggia. E’ molto ben attrezzata grazie ad un grande bar che fa servizio fino a notte inoltrata, con il movimentato aperitivo di chiusura.
  • Piscine naturali: località molto amata anche dalle persone del luogo che vengono qui per fare un bagno tra queste grandi piscine ricavate nel mare
  • Cala Feola: insenatura estremamente suggestiva con le sue acque cristalline. Questo è punto di partenza e approdo per i pescatori locali, che garantiscono ai ristorante affacciati sulla cala di poter servire pesce freschissimo e delizioso
  • Spiaggia delle Felci: alcuni l’hanno giudicata come la più bella dell’Arcipelago Pontino grazie alle sue acque limpidissime e al gran numero di pesci.

Tutte queste meravigliose mete, e molte altre, sono aggiungibili via terra o via mare: nel primo caso si potrà usufruire del servizio taxi locale, non particolarmente economico ma molto efficiente, oppure dei pullman che a partenze regolari collegano le spiagge raggiungibili via terra. Il modo più comodo per spostarsi rimane comunque la barca: si può scegliere di essere accompagnati in un tour di gruppo dell’isola, oppure, se preferite avere un po’ di privacy, di affittare una barca il cui costo viene ammortizzato se si è in un bel gruppo di amici.

Comunque si scelga di visitarla, Ponza rimane sempre un’isola incantevole che non smetterà mai di stupire chiunque decida di farle visita.

Francesca Testa

Tags:

Altri Articoli Interessanti: