ViaggiNews

News | Lampedusa-Allarme Immigrati:L’Italia richiama la Tunisia

giovedì, 31 marzo 2011

LAMPEDUSA IMMIGRAZIONE ITALIA RICHIAMA TUNISIA/ROMA-Sempre incandescente la situazione a Lampedusa. Il sindaco dell’isola, Bernardino de Rubeis, ha dichiarato che attualmente il numero degli immigrati è di 3.731, dopo i trasferimenti avvenuti con due ponti aerei e con le prime navi, la “Excelsior” della Grandi Navi Veloci e la “Catania” della Grimaldi, entrambe dirette a Taranto. Intanto davanti al porto di Lampedusa ci sono altre tre navi, la «Clodia», la «Waitling Street» e la nave militare “San Marco”, pronte a trasferire gli immigrati dall’isola verso altri centri di accoglienza.

Intanto si alza il coro delle proteste, da parte degli esponenti del governo italiano, sull’inadempienza del governo tunisino circa gli accordi sull’immigrazione stipulati con l’Italia.

Il premier Silvio Berlusconi, in una telefonata all’assemblea congressuale dei Cristiano-Popolari, ha dichiarato «che sta affrontando il problema con la Tunisia. Il governo aveva assicurato di fermare le barche degli immigrati ma questo non è avvenuto. Il governo – ha aggiunto – ha garantito impegni finanziari per la ripresa economica delle città tunisine e di contro il governo tunisino deve accettare il rimpatrio dei suoi concittadini. Si tratta di cinquemila tunisini che non sarebbero accettati perché noi sappiamo che dalle loro carceri sono evasi in 11 mila ed abbiamo il sospetto che possano arrivare da noi».

Intanto il ministro dell’Interno Roberto Maroni, al termine della riunione dell’esecutivo, ha ribadito: «C’era l’impegno della Tunisia per il contrasto dei flussi illegali, ma finora ciò non è avvenuto, così come non c’è disponibilità ad accettare i rimpatri degli 19mila tunisini identificati. Ho chiesto quindi a Berlusconi di sollecitare il primo ministro, se necessario andando a Tunisi».

Tags:

Altri Articoli Interessanti: