ViaggiNews

Capodanno | Giro del mondo e del tempo. Il primo e l’ultimo capodanno

giovedì, 23 dicembre 2010

CAPODANNO MONDO FESTEGGIARE PRIMO ULTIMO / ROMA – Fermare il tempo. Schiocchiare le dita e bloccare tutto su quell’istante e su quel momento. Impedire che la sabbia scivoli nella clessidra portando via con sè attimi che non torneranno più. Utopia di uomini troppo uomini che vogliono controllare l’essenza stessa della vita, il tempo per l’appunto. Chi però non vuole arrendersi alle leggi del Mondo può provare a rubare qualche ora al tiranno dell’orologio. Come? Spostandosi da una parte all’altra del globo.
Se di questo 2010 non ne potete proprio più e non vedete l’ora di festeggiare il nuovo anno, allora il posto che fa per voi è Kiritimati, il primo lembo di terra di ogni nuova alba. Qui in questo atollo nel Pacifico, dove l’oceano e la natura la fanno da padrone, potrete festeggiare il 2011 con 13 ore d’anticipo rispetto all’Italia. Se al contrario al 2010 siete molto affezionati e vorreste prolungare quest’anno il più possibile, non vi rimane altro che fare il giro opposto e recarvi alle Isole Samoa. I Samoani saranno infatti gli ultimi abitanti della terra a festeggiare il nuovo anno (+ 11 di GMT). Qui fra mare cristallino e foreste lussureggianti si ballerà fino a tarda notte sulla spiaggia in un’atmosfera di incantevole relax. Se i due opposti del mondo però vi spaventano potete scegliere di fermarvi su luoghi intermedi. Ad esempio sulla linea del futuro potreste andare a Tokyo (+ 9 ore GMT) che la notte del 31 dicembre sarà animata da manifestazioni tradizionali (come il lancio di palloncini) e da una folla festante che tirerà tardi fra i Giardini Imperiali e le discoteche. Il tutto condito da fuochi d’artificio. Altrimenti all’opposto potreste scegliere Los Angeles (-8 ore GMT). Fra hotel di lusso, straordinari giochi di luci, feste sulla spiaggia e locali super trendy avrete solo l’imbarazzo della scelta su come passare la notte più lunga dell’anno, sapendo che sarete fra gli ultimi a dire addio al 2010.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: